Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/58

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Vardè, che se sol dir che no è finio
     El zorno se no a sera; e i nostri fati
     No se dise sul viso, ma da drio.
Vien notai da sto mondo i nostri ati,
     E co pensemo d'esser Salomoni
     E d'aver fato sempre dei bei trati,
Restèmo svergognai come minchioni,
     Che quel che se pensava esser coverte
     Lo sa po' fin i coghi e i sbrodegoni.
Ma vòi lassar da parte sto concerto,
     Che no vorave che 'l me discordasse
     Tolendome el seguro per l'incerto.
Me voleu a un, lidissime ganasse?
     De la Dea che me priega e che me sgrafa
     Chi gh'è che a quel color no s'inganasse?
Chi poderàve star in sela o in stafa,
     Tegnir i pie ai colpi de quei echi?
     No se resisterìa su una zirafa!
Mi casco sempre, e se ghe n'è de tochi
     Dai colpi de quei ochi i è cussì ofesi
     Che no i pol caminar se no in zenochi.
Ochi cari, amorosi, ò per vu spesi
     Tanti passi al mio tempo e trato via,
     Per contentarve, setimane e mesi!
Che se bon per disgrazia mo son, via
     No doveressi tiorme a mi i favori
     Donando ai altri quel ch'è parte mia;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/58&oldid=67865"