Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/59

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Soporterò, lagrimeró i me' amori,
     E canterò la mia disaventura
     Fin che vorà che pianga i me' mazori.
Ma se sta ingrata, se sta sorte dura
     Se mua mai de camisa, oh fazzo viso
     Che se possa chiamar bona ventura!
Me vedarè sborìr a l'improviso
     Dal liogo dove son sta bandizà
     Contra giustizia, e con ben poco aviso;
E d'un Tartaro o un Turco più istizzà
     Farò veder al mondo che anca mi
     Ò al naso la mostarda e in panza el fià;
E a quei che adesso ride farò sì
     Che 'l ghe corerà zoso per la gola,
     Che 'l no ghe tornerà suso mai pì.
Ma perchè ancora me retrovo a scuola
     D'Amor, no vòi bravar, ma in penitenza
     Tior ogni desfavor, ogni parola,
Perchè se aquista assae co la pazienza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/59&oldid=67866"