Leggende fantastiche popolari veneziane/IV

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
IV. De dô morosi che i sà giurà fedeltà in in vita e in morte.
1875
←  III Edission e fonte ▼ V  →

[p. 11 modifica]IV. — De dô morosi che i sà giurà fedeltà in vita e in morte.

Questo xè un caso suçesso quà in Venezia a l’Anzolo Rafael, un tempo già fu.

Se trata de una regazza che smorosava co un giovine in scondon dei so genitori.

Dunque sti regazzi i smorosava, e, cussì a disco[p. 12 modifica]rendo, elo ghe dimanda se la lo ama, e ela ghe dise de sì. E lu ghe dise: ― «Ben, dame giuramento de amarme in vita e in morte.» — E cussì la ghe giura.

Da là a tanto tempo che i fava l’amor, ’na sera elo ghe dà la felisse note, e el ghe dise: — «A rivedarse diman.» — Dà la combinazion che sto giovine passa per ’na cale, in dove ghe giera impiantada ’na barufa; e sta barufa giera tanto granda, che se trata de amazzamenti. Dunque, uno de la barufa ghe riesse de scampar via, o xè passà sto giovine, e un altro l’à credesto ch’el sia quelo che el fava barufa, e ’l lo gà mazzà in falo.

La regazza no la gà savesto gnente che i gabia mazzà el so moroso, bensì la famegia l’à sentìo la vose che sto giovine giera restà morto; ma nissun no parlava de sto fato co la regazza, per no vilirla. Vien la sera del giorno drio, e el pare vede che a la solita ora sta tosa va al balcon istesso a discorer co sto zovene, e sto pare dise: — «Come, che sto toso xè morto?» — El se mete in fra el scuro, e el scolta cossa che i dise; e el sente che i discore de afari de amor, e che ela lo menzionava per nome e per cognome de quel medesimo che giera morto. Dopo, sti morosi i s’à dà la felisse note, e i va via.

Sto pare per un poche de sere el tase; ma pò, vedendo che la so regazza la se consumava viva e che de giorno in giorno ghe calava la carne, e che l’andava per consumazion come che la fusse morta, el s’à pensa de andar da un prete e de contarghe el caso, come che la giera e come che no la giera. Sto prete, co’ ’l gà sentìo sto afar, el dise: — «Quà bisogna credar che i s’abia dà qualche giuramento. [p. 13 modifica]Dunque bisogna vedar de confessar sta regazza, e sentir che promessa i s’à dà.» —

Va a casa sto pare, e el ghe dise a sta regazza: — Zà che xè tanto tempo che no ti va a confessarte, vogio che diman ti gabi da andar in ciesa a far le to divozion.» — Ghe risponde ela: — «Sì, papà,... andarò.» — E sta regazza, ubidiente a so pare, la se parecia e la va in ciesa. El prete, che zà giera ben inteso co i genitori, quando ch’el la vede, el l’acoglie volentiera, e là, dopo altri discorsi, el ghe dimanda se la fa l’amor. Ela ghe risponde: ― «Padre, sì.» — Ghe dise ’l prete: — «El to papà salo gnente?» — E ela ghe dise: — «Padre, no.» — Dise el prete: — «E parchè far l’amor in scondon dei genitori?» — Risponde la regazza: — «Parchè ’l papà no xè contento.» — Dise ’l prete: — «E tossa gastu che ti xè deventada cussì seca da poco in quà?» — E ela ghe dise: — «Padre, mi no sò.» — Dise el prete: — «Sentime, cara ti: no ti podaressi lassarlo, sto moroso?» — E ela ghe risponde: — «Ah, padre, no.... parchè mi ghe vogio tanto ben a elo, e lu me ne vol tanto a mi: no lo posso lassar!» — Dise el prete: — «Ma come se fà a volerse tanto ben, senza darse nissuna promessa? Qualche impromessa ti gavarà dà: no xè vero?» — Ghe risponde la regazza, ― «Padre, d’impromesse mi no ghe n’ò dà.» — Ghe dise ’l prete: — «Gastu fato qualche giuramento: de volerghe ben?» — Dise la regazza: — «Oh sì, padre: s’avemo giurà de amarse in vita e anca in morte.» — Sto padre, che sente cussì, el se mete in t’un gran pensier, e pò el dise a sta regazza: — «Cara la mia fia, no ti andarà mai più ben in fin [p. 14 modifica]che no ti fa quelo che te digo mi, parchè quel moroso che ti gà, bisogna che ti lo lassi.» — Sta tosa no se ne podeva dar pati, ma sto prete el l’à messa tanto suzo e tanto suzo, che la gà dà promessa de lassarlo. E sto prete ghe dise: — «Stassera vegnarò mi.» — E difati, co’ xè stà la sera, sto prete l’à tolto sù ’na stola e un libro, e el xè andà a casa de sta regazza. Alora el gà fato che sta regazza vaga sul balcon e che la discora pur co sto giovine, ma che no la ghe diga gnente de lassarlo, in fin che no ’l ghe lo dirà lu. Dopo che sti morosi gà tanto discorso, i s’à ciapà su e i s’à dà la felisse note. Quando ch’el moroso xè stà un pochi de passi lontan, el prete gà volesto che sta regazza la lo ciama per nome, e che la ghe dimanda se xè pecato conversar fradelo e sorela. E ela gà ciamà: — «Toni, xè pecato conversar fradelo e sorela?» — E lu, de alta vose, gà risposto: — «No, benedeta da Dio1!» — E l’è andà via. La seconda sera xè tornà sto prete, e el gà lassà che i discora, come el solito, e pò el fa che sta regazza ghe dimanda se xè pecato a conversar pare e fia. E ela gà ciamà: — «Toni, xelo pecà conversar pare e fia?» — E lu de alta vose ghe risponde: — «No, benedeta da Dio!» — E el va via. La terza sera torna sto prete e el fa pareciar un gato moro, e pò el lassa che i discora; e quando che i s’à dà la felisse note, e che sto giovine xè ben ben da lontan, ma tanto che se possa sentir la vose, el ghe fà dimandar se xè pecato conversar compare e comare de San Zuane. [p. 15 modifica]E prima che la lo ciama, sto prete ghe mete la stola su le spale. Alora ela de alta ose la se mete a ciamar: — «Toni, xelo pecato conversar compare e comare de San Zuane?» — E lu ghe risponde: — «Sì... maledeta da Dio!» — Subito sto prete mete fora la stola e ’l libro, e pò el ciapa ’l gato per ’na zata e el fa scongiuri; e alora el vede ch’el morto trà un potente svilzo, e el serca de brincar sta regazza, e pò a un trato el se ferma come spaventà, e el sparisse.

Cussì sto prete gà delibarà ela dal giuramento, e gà fato che sto zovene vaga in logo de salvamento.

Dopo, sto prete gà dito a sta regazza: — «Gastu visto? Quelo no giera el to moroso, parche elo xè morto, ma giera la so anema che no trovava pase par el giuramento che gavè fato; e ti te consumevi viva, come ch’el se consuma elo, morto.» —

Dunque, per cussì dir, no se deve mai giurar fedeltà in morte.



Note
  1. Circa alla vera interpretazione di questa e delle successive risposte, veggansi le prime parole della Leggenda N. 1.