Pagina:Leggende fantastiche popolari veneziane.djvu/11

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


— «Te giuro per quel San Zuane che gavemo fato, che sarò quà su sta crosera a spetarte.» — E là i se dà la man; e pò, uno va zò per una parte, e l’altro va zò per ’n’altra.

Perdiana, che in sti oto giorni ghe ciapa mal al compare che gaveva pagà, e el mor.

St’altro no saveva gnente ch’el fusse morto, e a quel ora che i giera intesi de aspetarse, el va su la crosera a spetarlo. Intanto passa un so amigo, e ’l ghe dise: — «Cossa fastu quà?» — St’altro ghe risponde: — «Speto mio compare Toni.» — «Compare Toni ti speti, che xè tre zorni ch’el xè morto? Ti gà un bel spetar!» — «Ti ti disi ch’el xè morto? Vàrdilo quà ch’el vien!» — E infati elo lo vedeva, ma st’altro no, nol lo vedeva. El morto se ferma avanti sto so compare, e el ghe dise: — «Ti gà razon che ti xè quà su sta crosera, e ti pol ringraziar Dio, chè del restante te farìa mi imparar a far giuramenti in nome de San Zuane.» — E subito el sparisse, e st’altro compare no lo gà più visto, parchè el giuramento che i gaveva fato no ’l giera altro che de trovarse in quel logo.




IV. — De dô morosi che i sà giurà fedeltà in in vita e in morte.

Questo xè un caso suçesso quà in Venezia a l’Anzolo Rafael, un tempo già fu.

Se trata de una regazza che smorosava co un giovine in scondon dei so genitori.

Dunque sti regazzi i smorosava, e, cussì a disco-