Pagina:Leggende fantastiche popolari veneziane.djvu/15

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


E prima che la lo ciama, sto prete ghe mete la stola su le spale. Alora ela de alta ose la se mete a ciamar: — «Toni, xelo pecato conversar compare e comare de San Zuane?» — E lu ghe risponde: — «Sì... maledeta da Dio!» — Subito sto prete mete fora la stola e ’l libro, e pò el ciapa ’l gato per ’na zata e el fa scongiuri; e alora el vede ch’el morto trà un potente svilzo, e el serca de brincar sta regazza, e pò a un trato el se ferma come spaventà, e el sparisse.

Cussì sto prete gà delibarà ela dal giuramento, e gà fato che sto zovene vaga in logo de salvamento.

Dopo, sto prete gà dito a sta regazza: — «Gastu visto? Quelo no giera el to moroso, parche elo xè morto, ma giera la so anema che no trovava pase par el giuramento che gavè fato; e ti te consumevi viva, come ch’el se consuma elo, morto.» —

Dunque, per cussì dir, no se deve mai giurar fedeltà in morte.




V. — De la note dei morti.


A un tempo che zà fu, ghe giera quà in Venezia ’na famegia, e sta famegia gaveva ’na serva. Sta serva no la saveva ancora l’uso de la casa, parchè giera poco che la giera là. Dunque una sera i so paroni ghe dise: — «Aricordite ben doman de matina de alzarte suzo a bonora, parchè ti gà da far el pan.» — Sta serva, co’ xè la so ora, la ciapa su e la va a dormir. La dorme; e da là a un toco la se svegia e la se alza, parchè la credeva che fusse giorno, e in-