Pagina:Leggende fantastiche popolari veneziane.djvu/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


che no ti fa quelo che te digo mi, parchè quel moroso che ti gà, bisogna che ti lo lassi.» — Sta tosa no se ne podeva dar pati, ma sto prete el l’à messa tanto suzo e tanto suzo, che la gà dà promessa de lassarlo. E sto prete ghe dise: — «Stassera vegnarò mi.» — E difati, co’ xè stà la sera, sto prete l’à tolto sù ’na stola e un libro, e el xè andà a casa de sta regazza. Alora el gà fato che sta regazza vaga sul balcon e che la discora pur co sto giovine, ma che no la ghe diga gnente de lassarlo, in fin che no ’l ghe lo dirà lu. Dopo che sti morosi gà tanto discorso, i s’à ciapà su e i s’à dà la felisse note. Quando ch’el moroso xè stà un pochi de passi lontan, el prete gà volesto che sta regazza la lo ciama per nome, e che la ghe dimanda se xè pecato conversar fradelo e sorela. E ela gà ciamà: — «Toni, xè pecato conversar fradelo e sorela?» — E lu, de alta vose, gà risposto: — «No, benedeta da Dio1!» — E l’è andà via. La seconda sera xè tornà sto prete, e el gà lassà che i discora, come el solito, e pò el fa che sta regazza ghe dimanda se xè pecato a conversar pare e fia. E ela gà ciamà: — «Toni, xelo pecà conversar pare e fia?» — E lu de alta vose ghe risponde: — «No, benedeta da Dio!» — E el va via. La terza sera torna sto prete e el fa pareciar un gato moro, e pò el lassa che i discora; e quando che i s’à dà la felisse note, e che sto giovine xè ben ben da lontan, ma tanto che se possa sentir la vose, el ghe fà dimandar se xè pecato conversar compare e comare de San Zuane.

  1. Circa alla vera interpretazione di questa e delle successive risposte, veggansi le prime parole della Leggenda N. 1.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Leggende_fantastiche_popolari_veneziane.djvu/14&oldid=65723"