Pagina:Leggende fantastiche popolari veneziane.djvu/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


rendo, elo ghe dimanda se la lo ama, e ela ghe dise de sì. E lu ghe dise: ― «Ben, dame giuramento de amarme in vita e in morte.» — E cussì la ghe giura.

Da là a tanto tempo che i fava l’amor, ’na sera elo ghe dà la felisse note, e el ghe dise: — «A rivedarse diman.» — Dà la combinazion che sto giovine passa per ’na cale, in dove ghe giera impiantada ’na barufa; e sta barufa giera tanto granda, che se trata de amazzamenti. Dunque, uno de la barufa ghe riesse de scampar via, o xè passà sto giovine, e un altro l’à credesto ch’el sia quelo che el fava barufa, e ’l lo gà mazzà in falo.

La regazza no la gà savesto gnente che i gabia mazzà el so moroso, bensì la famegia l’à sentìo la vose che sto giovine giera restà morto; ma nissun no parlava de sto fato co la regazza, per no vilirla. Vien la sera del giorno drio, e el pare vede che a la solita ora sta tosa va al balcon istesso a discorer co sto zovene, e sto pare dise: — «Come, che sto toso xè morto?» — El se mete in fra el scuro, e el scolta cossa che i dise; e el sente che i discore de afari de amor, e che ela lo menzionava per nome e per cognome de quel medesimo che giera morto. Dopo, sti morosi i s’à dà la felisse note, e i va via.

Sto pare per un poche de sere el tase; ma pò, vedendo che la so regazza la se consumava viva e che de giorno in giorno ghe calava la carne, e che l’andava per consumazion come che la fusse morta, el s’à pensa de andar da un prete e de contarghe el caso, come che la giera e come che no la giera. Sto prete, co’ ’l gà sentìo sto afar, el dise: — «Quà bisogna credar che i s’abia dà qualche giuramento.