Le disgrazie dei Poeti

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Le disgrazie dei Poeti
XVI secolo
Edission e fonte ▼
[p. 81 modifica]
LE DISGRAZIE DEI POETI


CAPITOLO


Canto de vu, Poeti povereti,
     Vegno da ti, strazzosa Poesìa,
     Rapezzà de Ganzon e de Soneti,
Che adesso, grama, no ti è più vestìa
     Se qualche zaratan, qualche bufon
     No te straveste de furfanterìa.
Ben è pazzia la to' riputazion!
     Adesso ogni plebeo se fa Poeta,
     Ma bon, più che da versi, da baston
Grama, magra, afamà, nua, povereta,
     Mo qual è quel to' arlevo che podesse
     Per to mezo imborsare una gazeta?
Co' se vede un per strada a magnar lesse
     No se ghe dà sì presto su dei ochi,
     Che i dise: Costù à forsi in le vraghesse.
Tuti, grami! i à balconi in su i zenochi,
     E tuti à certe cape si pelae
     Che le ze trabucheli da peochi.

[p. 82 modifica]

I à infin le ciere tanto consumae
     Che i par de quele aneme che al fogo
     Soto de nu da Dio vien condanae.
Tiogo de pato entrar in vostro liogo
     Se ognun de vu, Poeti, no tolessi
     Far una metamorfose in t'un cuogo.
Oh Dio, se avessi grazia che podessi
     Aver pan per Soneti e per Canzon,
     Sì, che dì e note ve sfadigheressi!
So ben che troveressi invenzion
     De meter i Forneri anch'eli in Cielo
     In pe' d'un Orsa, un Toro o un Scarpion;
Nè se sentirìa tanti e questo e quelo
     Parlar se no de la passion d'amor,
     Ch'a tut'el mondo à roto mo el cervelo.
Quanti sospiri che ve vien dal cuor
     Solo coverta de amorose fiame
     Che va a camin francese dal Pistor!
Se avè un pezzo de pan o de salame,
     Se sentì altra pena maledeta
     Tiogo mì in vostro pe' morir da fame.
Simile a la gazuola xe el Poeta;
     Co no l'à sopa in te la magnaora
     La se mete a cantar la girometa.
Cussì canta el Poeta co' vien l'ora
     De disnar, e nol trova pan in tola;
     Che si dirà di questa mìa Signora?

[p. 83 modifica]

E scomenza a dolerse a ogni parola
     D'aver pene e tormenti senza fin;
     Niente de manco el mal ze tuto in gola!
Chi no sa che 'l Poeta è un po' divin?
     Chi no sa che magior divinità
     No gh'è de viver senza pan e vin?
Oh animale meschin e disgrazià,
     Fradel de la miseria e de i amari,
     Nassuo da Amor e da la Povertà!
De ciascun d'essi se ne trova chiari
     Che no viva in miseria eternamente;
     Che no sta insieme la virtù e i danari.
Ma resto de parlar de st'altra zente,
     Che no me vòi slargar tanto da l'osso;
     Che intriga el fil do' gemi ch'ò in la mente;
E torno da recao dove m'ò mosso,
     Se ben, Poeti, a star tropo con vù
     Me podesse atacar la fame adosso.
Perchè meter Apolo a star là su
     Con un lira in man? No gera megio
     Imortalar un osto, e no colù?
La fame forsi v'à leva el consegio,
     Che no podè sperar nessun agiuto
     De trovarve ai bisogni un pan de megio!
Oh Poeta fantastico e destruto,
     Oh Poesìa meschina e dolorosa
     Nassua nemiga a la fortuna in tuto!

[p. 84 modifica]

Oh misera folla calamitosa!
     Qual è quelo che t'abia seguità
     Ch'abia un marcheto da pagar chi 'l tosa?
E quanto un più perfeto xe mai stà
     In sta misera arte e più valente
     Tanto più l'è stà anca disgrazià.
Chi xe sta 'l più meschin o 'l più dolente
     De Omero? e qual più bravo e più perfeto?
     Argo e Micene e Troja se ne sente;
Pur no gh'è stà nessun che più sugeto
     Fusse a la povertà, ch'elo nasse
     A la riva d'un fiume, el povereto!
Lu che de tuti è stà prencipe e re,
     Lu xe sta grando, epur nol cognosseva
     Qual fusse da un Pistor un pan da tre!
Quando l'è restà orbo no l'aveva
     Da tegnir pur un puto ch'el menasse,
     Nè a mala pena el can che 'l conduseva.
Benchè al morir Vergilio refudasse
     Un'opera sì rara e cussì eleta,
     (Chi tra i Latini fu che l'arìvasse?)
Tutavia el verso ne la dise schieta;
     Il Mantovan che di par seco giostra,
     Cioè che Omero e lù l'à menà streta.
E 'l Petrarca tra nu, che ne dimostra,
     Co fa le ore el razo d'un relogio,
     Ogni ecelenza de la lengua nostra,

[p. 85 modifica]

Con tuta la corona de cerfogio
     No à possù otegnir mai d'essere Prete
     Stentando per studiare un poco d'ogio.
Plauto, che à provà pur d'aver ste strete,
     Vedendo che ai Poeti ghe avanzava
     Fuora in berlina i dei da le scarpete,
Xe andà a star co un Pistor, e là menava
     Tut'el zorno la mola, e componeva
     Quel poco tempo po che ghe restava,
E qual se vogia altr'arte no 'l podeva
     Trovar ch'el podesse un po' refar
     De quanto la Poesìa la ghe toleva.
Tanti altri gh'è ch'a volerli recordar
     A un per un no mel comporterà
     Quel poco tempo ch'ò da dispensar.
In soma tuti quei ch'à seguità
     Strazzosa, miserabil, la Poesìa,
     Daspò tanti diluvii, al fin la i fa
Cascar morti da fame per la via.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Le_disgrazie_dei_Poeti&oldid=67873"