Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/84

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Oh misera folla calamitosa!
     Qual è quelo che t'abia seguità
     Ch'abia un marcheto da pagar chi 'l tosa?
E quanto un più perfeto xe mai stà
     In sta misera arte e più valente
     Tanto più l'è stà anca disgrazià.
Chi xe sta 'l più meschin o 'l più dolente
     De Omero? e qual più bravo e più perfeto?
     Argo e Micene e Troja se ne sente;
Pur no gh'è stà nessun che più sugeto
     Fusse a la povertà, ch'elo nasse
     A la riva d'un fiume, el povereto!
Lu che de tuti è stà prencipe e re,
     Lu xe sta grando, epur nol cognosseva
     Qual fusse da un Pistor un pan da tre!
Quando l'è restà orbo no l'aveva
     Da tegnir pur un puto ch'el menasse,
     Nè a mala pena el can che 'l conduseva.
Benchè al morir Vergilio refudasse
     Un'opera sì rara e cussì eleta,
     (Chi tra i Latini fu che l'arìvasse?)
Tutavia el verso ne la dise schieta;
     Il Mantovan che di par seco giostra,
     Cioè che Omero e lù l'à menà streta.
E 'l Petrarca tra nu, che ne dimostra,
     Co fa le ore el razo d'un relogio,
     Ogni ecelenza de la lengua nostra,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/84&oldid=67871"