Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/81

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LE DISGRAZIE DEI POETI


CAPITOLO


Canto de vu, Poeti povereti,
     Vegno da ti, strazzosa Poesìa,
     Rapezzà de Ganzon e de Soneti,
Che adesso, grama, no ti è più vestìa
     Se qualche zaratan, qualche bufon
     No te straveste de furfanterìa.
Ben è pazzia la to' riputazion!
     Adesso ogni plebeo se fa Poeta,
     Ma bon, più che da versi, da baston
Grama, magra, afamà, nua, povereta,
     Mo qual è quel to' arlevo che podesse
     Per to mezo imborsare una gazeta?
Co' se vede un per strada a magnar lesse
     No se ghe dà sì presto su dei ochi,
     Che i dise: Costù à forsi in le vraghesse.
Tuti, grami! i à balconi in su i zenochi,
     E tuti à certe cape si pelae
     Che le ze trabucheli da peochi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/81&oldid=67868"