L'è tropo ogni tre mesi un quarto d'hora

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
L'è tropo ogni tre mesi un quarto d'hora (Sonetto LXXI)
XVI secolo
←  Sonetto LXX. Sta note forsi un'hora inanzi dì Edission e fonte ▼ Sonetto LXXII. Haveva el cuor tra l'alegrezza e 'l riso  →

L'è tropo ogni tre mesi un quarto d'hora
Da butar via per visitarve vu,
E mi giera sì can beco cornù
Che no saveva acòrzermene ancora.

Alfin pur quela vecchia traditora
M'ha mostrà 'l vero, e mi l'ho cognossù,
Sì che se mai me ghe condugo più,
Merito ben che me cazzé in mal'hora.

Signor, mo haveva pur puoco cervelo
Vedando i muodi grami che tegnì
Con quel'altro minchion, che fa del belo.

Saveva pur che mai no passa dì
Che no ve amorizé con questo e quelo,
Se ben fè le desmesse ancùo con mi.

E saveva anche chi
Ve fu marìo, di chi vu fossi fia,
Se ben ve deva de la signorìa.

Nobil genealogia,
El pare fu erbarol, marido un cuogo,
Nassùa in le verze e cressùa a torno el fuogo.

So ben che no ve tuogo
Niente del vostro a dir quel che ve aspetta,
E cussì fazzo mal la mia vendeta.

Ma pur me par che teta
A toccar certi passi principali
Che se cognosse infina da i cavali.

Credéu che sia bocali
Quei che vien là da vu, che no i ve tegna
In quel concetto de che vu sè degna?

Ma perché ogn'un dessegna
De far el fatto so galantemente,
No gh'è nissun che ve ne diga niente,

Oltra che, finalmente
La neve se desfà sì che de boto
Se vede i stronzi che ghe steva soto.

In sette volte, o in otto,
La vostra condition vien descoverta,
E l'amor se ressolve in dar la berta.

L'è vero che stè all'erta,
Che sè arlevà con bona disciplina
Da quela scelerà vecchia Gabrina,

Degna de la berlina,
Se ben con tante so malignità
La no sa scònder l'ànemo che l'ha,

Che la 'l mostra in qua, in là,
Con le man, con i piè, con le parole.
Man, fabricae per strapiantar ceole;

Piè, che in do volte sole
Che i va descalzi al solito per sala,
I fa dar fuora el stuffo d'una stala;

Boca, che mai no fala
De dir del mal e che ha le busìe spesse
In la conclusion e in le promesse.

Horsù, chi che ve stesse
Dies'anni a torno, e no dirave tanto
Che no restasse a dìrghene altretanto.

Qua fenisse el mio canto,
Che me fa compassion sto gramo inghiostro
Che se consuma a dir del fato vostro.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=L%27è_tropo_ogni_tre_mesi_un_quarto_d%27hora&oldid=42098"