Sta note forsi un'hora inanzi dì

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Sta note forsi un'hora inanzi dì (Sonetto LXX)
XVI secolo
←  Sonetto LXIX. Tra la rabbia, la stizza, e tra 'l martelo Edission e fonte ▼ Sonetto LXXI. L'è tropo ogni tre mesi un quarto d'hora  →

Sta note forsi un'hora inanzi dì
Ma xe vegnùa l'Artusa in vision,
E m'ha fato cussì bel canaton
Che a dirve el vero el m'ha tuto smarì.

Donca, ti sarà bon, dis'ela, ti
Desgratiao, da méterme in canzon?
E senz'altro me petta un mustazzon,
Che da la bota e me desmissij.

Co me desmissio, e me cerco da lai,
Ma non la trovo, che se la trovava
Ghe ne deva ben mi quatro sfozai.

Puol far sier Balaram, mi che pensava
Che sta donna dovesse sempre mai
A ponto per ste cosse esserme schiava,

Vedo mo che la brava.
Che bravar? El bravar serave niente,
Mo la me dè de i mustazzoni arente.

Pò far de mi, che zente
Che ghe xe al mondo ancora, che custìa
Si xe fuora del mondo, e per mi, fia,

Za che con vilania
E con saltarme adosso a muo' de un drago,
In scambio de le laude che ghe dago,

De l'honor che ghe fago,
La me dà, pò far mi, schiaffi, e me tonfa,
Mo con sta man che non è miga zonfa

Ghe voi far tanto sgionfa
La galta a ella, se la torna pi,
Quanto che essa ghe l'ha fata a mi.

Ghe petterò cussì
De sto pugno, vardé, tof'in la fazza,
E sì ghe dirò pò bon pro te fazza,

Vilanzona ingratazza,
Daspuò che in pè de haverme rengratià,
La me vien con rebuffi e sì me dà.

Mo se l'ho laudà
Con i mie versi fin qua, sta mariola,
No ghe ne voio far mai pì parola.

E pur, che no ghe zola,
Con dir tuto el contrario, un do da drio,
Pur che no 'l fazza, el voio far, per Lio.

Forsi che a sto partìo,
Con dir mal d'essa e ghe farò piaser,
Za che a dir ben ghe fazzo despiaser.

Speté donca, Corner,
E canzon, e capitoli, e sonetti,
Che parlerà de tuti i so deffetti.

Voio con sti versetti
Lavarghe, te so dir, de forte el cao,
Che 'l no ghe fu mai pì sì ben lavao,

E po che da recao
La torna a darme e farme un canaton,
Che in quella volta l'haverà rason.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Sta_note_forsi_un%27hora_inanzi_dì&oldid=42928"