Haveva el cuor tra l'alegrezza e 'l riso

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Haveva el cuor tra l'alegrezza e 'l riso (Sonetto LXXII)
XVI secolo
←  Sonetto LXXI. L'è tropo ogni tre mesi un quarto d'hora Edission e fonte ▼ Sonetto LXXIII. Signora mia, vu manizé per tuto  →
Altra edizion: La Lontananza (1817)

Haveva el cuor tra l'alegrezza e 'l riso
Quando soleva inanzi andar de fuora,
E quando che tornava in mia mal'hora
Me pareva partir dal paradiso.

Adesso mo, che son via da quel viso,
Che me mette su 'l cao la dalaora,
Maledisso dolente el ponto e l'hora
Che me ha da tanto ben, gramo, diviso.

Za l'acque me pareva de crestal,
I campi, che ridesse, e la Natura
Me fesse inanzi i occhi un carneval.

Adesso tòrbia me par l'acqua e scura,
E vedo zò che vedo per mio mal
Senza la cara anzelica figura.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Haveva_el_cuor_tra_l%27alegrezza_e_%27l_riso&oldid=67915"