In fatti la lusuria della golla

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
In fatti la lusuria della golla (Sonetto XLII)
XVI secolo
←  Sonetto XLI. Come chi sente un pezzo una campana Edission e fonte ▼ Sonetto XLIII. No me cassé, madonna, per un petto  →

In fatti la lusuria della golla
Si manda a monte quella del cotal,
Si che, puttana, fa' pur carneval,
Che quanto a mi ti puol sarrar la scuola.

Ti no xe miga un pan, né una bresuola,
Che me tirasse addosso a far del mai.
Che ti habbi mo el cul duro a mo un azzal,
Te vorrìa innanzi un pochettin pi frola.

No usar mo i to termini tegnosi
Per dir de farme pi slargar dai pali,
Che bisogna, alla fè, che ti te tosi.

Anca mi ho drizzà l'arco ai to segnali,
E dove prima gièrimo morosi,
Semo mo addesso deventai rivali.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=In_fatti_la_lusuria_della_golla&oldid=42034"