No me cassé, madonna, per un petto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
No me cassé, madonna, per un petto (Sonetto XLIII)
XVI secolo
←  Sonetto XLII. In fatti la lusuria della golla Edission e fonte ▼ Sonetto XLIV. O bon tempo da Roma, o compagnia  →

No me cassé, madonna, per un petto
Dal vostro Amor, perché s'el m'è scampà
Vu sè sta causa perché m'ho sbassà
Per torve su da terra el fazzoletto.

Sarave ben d'Amor duro decretto
Questo, s'un per un altro fa un peccà,
Che 'l vegnisse de longo castigà
Da culù proprio de chi xe el diffetto.

L'ho tratto e sì el confesso largamente
Perché anzi vògio che de qua cavé
Quanto el mio Amor d'ogn'altro è pi fervente.

Podeva mi star saldo e dir: Vardé,
Madonna, el fazzoletto è tra la zente,
O buttàrvel davanti con un piè?

Ma el mio voler, che xe
Da servir, co se dise, de buon cuor
Se me fece cascar in quel error.

Donca se per Amor
Vostro son corso subito a staffetta
Vu vorré addesso darme la paletta?

Sta via no xe la dretta
Da far che 'l mondo sempre possa dir
Che no xe morto al premio el bon servir.

Vu me possé mo dir
C'intendo che havé ditto a pi de otto
Che no volé un moroso pettizotto.

O Dio, sarìa mai sotto
Sta disgracia nassuo, ch'è per un fiao
De vento schietto e no contaminao?

Ma tolél desperao,
Se no ghe xe fettor, ma nome el tiro
No se puolo chiamar anca un sospiro?

Qua mi no me retiro
Da la rason, vorrìa che fosse eletti
Zùdesi a sti accidenti, dei perfetti,

Perché so che costretti
I sarrìa in mio favor per il dover,
Ma vu, Madonna, vu che havì poder,

Metté sul tavolier
Della consientia tutte ste rason,
E daspuò giudicheme bello e bon,

Con patto e condicion
Se a vu ve par cusì, che come traga
Più petti, che de longo me ne vaga,

E quando, che la staga
Qua, mi de longo sottoscrivarò
D'esser cassà se mi contrafarò.

Ma se vu vorré po
De fatto in fin che sia bandì da vu,
Me son resolto de no viver più.

Farò chiamar culù
Che intàgia ben in arte de scultura,
Che scrivarà su la mia sepoltura

Sta mia desaventura:
Qua zasse uno che per trar un petto
La so donna el fè andar entro a un cailetto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=No_me_cassé,_madonna,_per_un_petto&oldid=42552"