Come chi sente un pezzo una campana

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Come chi sente un pezzo una campana (Sonetto XLI)
XVI secolo
←  Sonetto XL. Ho quel serpente della zelosia Edission e fonte ▼ Sonetto XLII. In fatti la lusuria della golla  →

Come chi sente un pezzo una campana
Che sbùsena dopo le recchie un'hora,
Se mi vago in bordel cusì tall'hora,
Ho tutto el dì in la vista una puttana.

E trovo che talmente la m'inganna,
Che se vuoi studiar co zonze l'hora,
Avro el libro e, meschin, me par d'ogn'hora
Ch'habbia in te i occhi, o l'occa o la puttana.

E stago col pensier sì fisso in questo,
Che pi che vardo con sta fantasia
Figuro la puttana pi che 'l testo.

Grama mia mente, ti xe pur spedìa,
No voleva altro el mio cervel per resto
Che far puttana la Filosofia.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Come_chi_sente_un_pezzo_una_campana&oldid=41495"