Ho quel serpente della zelosia

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Ho quel serpente della zelosia (Sonetto XL)
XVI secolo
←  Sonetto XXXIX. Al mondo chi è soldao se fa chiattin Edission e fonte ▼ Sonetto XLI. Come chi sente un pezzo una campana  →
Altra edizion: Il Sogno (1817)

Ho quel serpente della zelosia
Che m'ha sparso in le vene el so venen,
Che se vedo un osel sora el mio ben
Temo che in fina lu mel porta via.

Amor mo, che vuol darmela compìa,
Fa che in insonio subito me vien
Custìa davanti, e che la vedo in sen
Da zente apponto che scortegarìa.

Me par vederla in brazzo a questo e quello,
Non che po a miei rivali, a i miei nimighi,
Che galde del so ben, del mio martello.

Non basta che, vogiando, ho tanti intrighi,
No basta che custìa non ha cervello,
Che ho per zonta, a dormir, de sti castighi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Ho_quel_serpente_della_zelosia&oldid=67826"