Al mondo chi è soldao se fa chiattin

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Al mondo chi è soldao se fa chiattin (Sonetto XXXIX)
XVI secolo
←  Sonetto XXXVIII. Son amalà qua in letto, e se credesse Edission e fonte ▼ Sonetto XL. Ho quel serpente della zelosia  →
Altra edizion: Protesta di voler bere (1817)

Al mondo chi è soldao se fa chiattin
E abbandona sto mondo traditor,
Così lasso anche mi l'arme e l'amor,
E mi dedico tutto al dio del vin.

Pianzo gramo i miei dì, pianzo quel fin
Che me preposi de virtù e d'honor,
E se l'esser pentìo lava l'error,
Eccome netto co xe un armelin.

Mai mi abbandono el vin, massime el bon,
Mai pi vani pensier m'entra in la mente,
Mai pi m'infetta el cuor l'ambition.

Mondo, i to beni è d'ingannar la zente,
Fatti co è le vesìghe de savon,
Che par sì belle e se resolve in niente.