Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/21

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 30 modifica]A dì vinto oto pur de questo mexe de april, cun el nome de misser Jexu Cristo fo deliberà de tuor questa intromission de bruxar questa armada del perfido Turco; do ore avanti zorno, cun el nome del spirito santo, se mosse le do nave del porto, le qual nave se iera tutte investide de sacchi de lana, e de sacchi de gotoni, e in compagnia de quelle, si iera la galia de misser Gabriel Trivixan, e la galia de misser Zacaria Grioni el cavalier, tuti do armadori al golfo1, e ne iera tre fuste de banchi vinti quatro l'una, le qual fuste iera stade [p. 31 modifica]armade per i tre patroni de le galie de Romania cun le sue zurme, i qual patroni si fo questi nominadi, ser Silvestro Trivixan de ser Nicolò, ser Jeruolemo Morexini fo de ser Bernardo, ser Jacomo Coco el grando.

E ancora fo armà asai bregantini, i qual fo armadi per li patroni de le nave, e in li diti bregantini, in parte d'essi ne iera pegola e brusca e polvere de bombarda, i qual iera sta chonzi per meter fuogo dentro e mandarli adosso de l'armada del turco. Ma l'ordene si iera sta dado, che le nave fosse andade avanti a investir perchè quelle podeva intivar2 le botte3 de bombarda; ma el meschin anemoxo de misser Jacomo Coco patron de la galia de Trabexonda volse esser lui el primo feridor in questa armada per aquistar honor in questo mondo. Siando tuta la nostra armada per mezo el mandrachio, dove che iera l'armada soa del turco, bixognava che le nave andasse avanti, ma perchè la nave vogava solamente remi quaranta per ladi, e per quela caxon la non podeva andar presto come faria una galia; ma misser Jacomo Coco patron de la galia de Trabexonda, come homo volonteroxo de aquistar honor in questo mondo, non volse aspetar che le nave fosse le prime de investir, anzi el sora dito misser Jacomo volse esser el primo feridor in la predita armada del turco; el dito misser Jacomo piò4 una vuoga batuda, e andò inverso quela armada, e quando che el fo per mezo l'armada del turco, i turchi si desserò una delle sue bombarde, e dè arente la pope, e nula i fe', daposa5 ne desserò una altra, e dege in nel mezo de la fusta, e passòla da una banda al altra; quela fusta non potè star de sora quanto che saria a dir diexe paternostri, subito l'andò a fondi con tuti i homeni che iera suxo. Vedendo tuti nui quela andar a fondi, ne feva grandissima compassion, aiuto a quela non se podeva dar per niun modo. I principali della fusta che se anegò si fo questi soto scriti: e prima misser Jacomo Coco patron de quela, ser Antonio da Corfù comito de la ditta, ser Andrea da Ruodo paron zurado, Marin Gebelin compagno, Polo Catanio compagno, Andrea dall'Aqua compagno, Andrea Steco compagno, Zuan Marangon balestrier, Zuan de Chirato balestrier, Zuan de Nicolò da Cataro balestrier, Nicolò Dandre balestrier, Nicolò Gulias [p. 32 modifica]balestrier, Lio Foxon balestrier, Renaldo da Ferara balestrier, Troilo di Grezi balestrier, Zorzi da Trau balestrier, Baiardo Gradenigo balestrier, Stefano de Sardaia balestrier; homeni da remo fo numero setantado; tuti questi sora scriti andò a fondi con tuta la fusta, e tuti se anegò, che dio li perdoni. Siando andà la fusta a fondi, queli de le galie sutil ancora non se ne avea acorto che fosse mancada la sua conserva, e pur d'agnora queli de la galie andava driedo combatando, e credeva seguir driedo la fusta, credando andar bene, e questo fo per non aver visto la fusta andar a fondi, non iera possibel cosa aver visto andar quela fusta, e questo perchè el iera tanto el fumo de le bombarde, e di scopeti, che non se podeva veder niuna cosa, e cridori che iera da una parte e da l'altra, che pareva una cosa quaxi non la poder credere. Andando cussì avanti la galia de misser Cabriel Trivisan, de subito i cani de questi turchi si desserò do bombarde e dege in nel mezo de la dita galia, e pasòla da una parte al altra, e perchè da basso dela galia el se trova essere do homeni feridi, subito i diti homeni se stropò con gabani i diti buxi in modo che i tene la galia de sore aqua, ma la dita galia si se afondò meza, e quela se remiza meio che la pote, e per fina che la fo in porto dove che iera el suo statio. Vedando le altre fuste, le qual dovea investir, queste esser malmenade, deliberò tornar indriedo, e sorzer dove che le iera da prima, per muodo che el nostro pensier non potè vegnir a sequition queli che aveemo deliberà de far al perfido nemigo nostro; anzi ve digo, che abudo el turco questa vitoria, e veder che nui cristiani pianzevemo amaramente, e molto se condolevemo de tanti meschini che iera anegadi, che dio li perdoni a tuti, e molti si pianzeva da paura, che lor turchi non ne piase6 in quela vitoria con quela sua armada, dinotandovi, (che se) i diti turchi avesse dato in questo zorno la bataia, tuti ieremo prexi senza dubio niuno, cussì da mar come queli da tera, e questo perchè tuti si ieremo in fuga da paura, ma l'eterno dio si volse prolongar la prexa de la dita zitade. Ma che feze i diti pagani? i andò con quele setantado fuste adosso de quele do nave, che jera investide de sachi de lana, le qual fo quele che dovea investir in l'armada, quele do nave si sorse neto per mè l'armada del turco, e queste do puovere nave si steva solamente sorte per aspetar socorso da nui cristiani, e per niuno muodo non iera possibel cossa a darli socorso, perchè subito fossemo7 stadi prexi da la fuste de turchi. Vedando turchi esser lor venturoxi i se deliberò, e andò con tuta [p. 33 modifica]quela sua armada, e gaiardamente si investì in quele do nave, e dege una bataia teribele e forte, ma veramente el iera tanto i cridori de quela canaia, che el pareva veramente a esser al proprio inferno; scopeti e freze ne iera senza numero, bombarde, zarabotane assai; questa aspra e dura bataia de queste do nave si durò largamente una ora e meza, e niuna dele parte non potè aver sua intention. La nostra armada tornò al suo statio, e le setantado fuste si tornò al suo mandrachio; per questo zorno non fo fatto altro, ni da mar ni da tera, salvo, che per el campo del turco i fexe asai festa, per le bater de la fusta a fondi de misser Jacomo Coco. Questo é quanto che seguì per defetto de zenovexi nemigi de la fede de Cristo, e zenovexi si fexe questo tradimento a cristiani per mostrarse amigi del signor turco.8



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. Capitani di nave armata per corseggiare a danno de' nemici dello stato.
  2. imbroccare, e rintoppare in cosa, o persona; qui però in senso di resistere, sostenere, imbroccare ai colpi.
  3. colpi. —
  4. pigliò.
  5. quindi.
  6. pigliassero.
  7. saremmo.
  8. In nessuno degli storici, i quali tutti divariano dal Nostro nel racconto del fatto, si legge in detaglio il miserando caso del fallito tentativo d'incendiare la flotta del Turco, come nel giornale del Barbaro.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/21&oldid=41751"