Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/36

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


vui soli, ma si vui induxiadi1 a una altra note, nui zenovexi de Pera se oferimo a dover esser in vostra compagnia, per bruxar meio questa sua armada. El nostro capetanio, aldando2 queste oferte si romaxe contento de dover induxiar a una altra note, e quando Zenovexi vete esser zorno, e abiando lor paxe con el Turco, aprì una de le porte de Pera, e mandò fuora uno al Turco, el qual ha nome Faiuzo, e questo Faiuzo, siando al pavion del signor Turco, e a quelo lo i fe' asaver come Venitiani, la notte passada, se mise in ordene de andar a cazar fuogo dentro de l'armada del mandrachio de Pera. El signor Turco abiando intexo queste parole, rengratiò molto questo imbaxador da parte de queli de Pera, e subito quelo el signor el mandò in driedo in Pera. Partido che el fo da lui, el dito signor Turco de subito si mandò assaissimi scopettieri a la sua armada, che iera in nel mandrachio, e oltra i scopeti el fexe metter do bombarde a raxo3 la marina, e do altre bombarde da l'altro ladi del mandrachio, e atorno via del dito mandrachio tutto si iera ben reparado de gradizi, che schiopetto non li poteva nuoxer, ni anche veretoni4, per muodo che lor se tegnia seguri, e questo tal tradimento fexe i maledetti Zenovexi de Pera rebeli de la fede cristiana. —

Da dì vinti quatro fino dì vinti otto del ditto mexe, stessemo suxo questo fatto de questa tal intromission, ma pur penso la fosse volontade de Dio, che el volse, che se andasse, per punir i peccadi de alguni de quelli che andò, come per avanti vederete el caxo terribele seguido, avisandove, che nui Venitiani non saveemo nulla del trattado de questi malvaxi Zenovexi.

A dì vinto oto pur de questo mexe de april, cun el nome de misser Jexu Cristo fo deliberà de tuor questa intromission de bruxar questa armada del perfido Turco; do ore avanti zorno, cun el nome del spirito santo, se mosse le do nave del porto, le qual nave se iera tutte investide de sacchi de lana, e de sacchi de gotoni, e in compagnia de quelle, si iera la galia de misser Gabriel Trivixan, e la galia de misser Zacaria Grioni el cavalier, tuti do armadori al golfo5, e ne iera tre fuste de banchi vinti quatro l'una, le qual fuste iera stade

  1. v'indugiate.
  2. udendo.
  3. rasente.
  4. Verrettoni, specie di grossa verretta, ossia freccia a foggia di piccolo spiedo, che lanciavasi dagli antichi italiani con mano, o colle balestre.
  5. Capitani di nave armata per corseggiare a danno de' nemici dello stato.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/36&oldid=62492"