Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/39

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


quela sua armada, e gaiardamente si investì in quele do nave, e dege una bataia teribele e forte, ma veramente el iera tanto i cridori de quela canaia, che el pareva veramente a esser al proprio inferno; scopeti e freze ne iera senza numero, bombarde, zarabotane assai; questa aspra e dura bataia de queste do nave si durò largamente una ora e meza, e niuna dele parte non potè aver sua intention. La nostra armada tornò al suo statio, e le setantado fuste si tornò al suo mandrachio; per questo zorno non fo fatto altro, ni da mar ni da tera, salvo, che per el campo del turco i fexe asai festa, per le bater de la fusta a fondi de misser Jacomo Coco. Questo é quanto che seguì per defetto de zenovexi nemigi de la fede de Cristo, e zenovexi si fexe questo tradimento a cristiani per mostrarse amigi del signor turco.1

A dì vinti nuove pur de questo mexe de aprile, siando anegado con la fusta misser Jacomo Coco patron de la galia de Trabexonda, e l'acadeva a far uno vizo patron de la galia, e però misser Aluvixe Diedo capetanio de le galie, fexe ser Dolfin Dolfin, fo de ser Domenego, vizo patron de la galia de Trabesonda in luogo de ser Jacomo Coco, che dio li perdoni. El sora scrito ser Dolfin Dolfin, si avea in varda la porta da tera, la qual se chiama porta del palazo, che iera forte, ben vardada da tuti; el dito lasò de vardar la porta, e vene a star in la galia; romaxe a la porta del palazo in suo luogo ser Zuane Loredan de ser Polo. Per el dito mexe de aprile non fo fato altro, nì da mar nì da tera, salvo scaramuze assai e bombarde assai, che i treva in le mure, le qual mai non refinava de trá, zorno e note, e pur d'agnora se butava de le mure de la tera per tera, d'agnora metando la tera in più pericolo, e nui de la zitade fevemo de boni repari de bote, e de fasine, e de tera in ne li luogi che bexognava, per muodo che i iera cussì forti, come i fosse stadi de proprio muro, come i iera da prima, e questo perchè bota de bombarda non i podeva nuoxer per non poder rezever bota. —

A dì primo mazo, e a dì do pur de questo, non fo fatto movesta niuna, ni da mar ni da tera, salvo el suo continuo bombardar, e scaramuzar e cridori asai, segonda la lor consuetudine de turchi; la tera stagando con afani assai, per comenzar a mancar le vituarie, e

  1. In nessuno degli storici, i quali tutti divariano dal Nostro nel racconto del fatto, si legge in detaglio il miserando caso del fallito tentativo d'incendiare la flotta del Turco, come nel giornale del Barbaro.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/39&oldid=62495"