Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/38

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


balestrier, Lio Foxon balestrier, Renaldo da Ferara balestrier, Troilo di Grezi balestrier, Zorzi da Trau balestrier, Baiardo Gradenigo balestrier, Stefano de Sardaia balestrier; homeni da remo fo numero setantado; tuti questi sora scriti andò a fondi con tuta la fusta, e tuti se anegò, che dio li perdoni. Siando andà la fusta a fondi, queli de le galie sutil ancora non se ne avea acorto che fosse mancada la sua conserva, e pur d'agnora queli de la galie andava driedo combatando, e credeva seguir driedo la fusta, credando andar bene, e questo fo per non aver visto la fusta andar a fondi, non iera possibel cosa aver visto andar quela fusta, e questo perchè el iera tanto el fumo de le bombarde, e di scopeti, che non se podeva veder niuna cosa, e cridori che iera da una parte e da l'altra, che pareva una cosa quaxi non la poder credere. Andando cussì avanti la galia de misser Cabriel Trivisan, de subito i cani de questi turchi si desserò do bombarde e dege in nel mezo de la dita galia, e pasòla da una parte al altra, e perchè da basso dela galia el se trova essere do homeni feridi, subito i diti homeni se stropò con gabani i diti buxi in modo che i tene la galia de sore aqua, ma la dita galia si se afondò meza, e quela se remiza meio che la pote, e per fina che la fo in porto dove che iera el suo statio. Vedando le altre fuste, le qual dovea investir, queste esser malmenade, deliberò tornar indriedo, e sorzer dove che le iera da prima, per muodo che el nostro pensier non potè vegnir a sequition queli che aveemo deliberà de far al perfido nemigo nostro; anzi ve digo, che abudo el turco questa vitoria, e veder che nui cristiani pianzevemo amaramente, e molto se condolevemo de tanti meschini che iera anegadi, che dio li perdoni a tuti, e molti si pianzeva da paura, che lor turchi non ne piase1 in quela vitoria con quela sua armada, dinotandovi, (che se) i diti turchi avesse dato in questo zorno la bataia, tuti ieremo prexi senza dubio niuno, cussì da mar come queli da tera, e questo perchè tuti si ieremo in fuga da paura, ma l'eterno dio si volse prolongar la prexa de la dita zitade. Ma che feze i diti pagani? i andò con quele setantado fuste adosso de quele do nave, che jera investide de sachi de lana, le qual fo quele che dovea investir in l'armada, quele do nave si sorse neto per mè l'armada del turco, e queste do puovere nave si steva solamente sorte per aspetar socorso da nui cristiani, e per niuno muodo non iera possibel cossa a darli socorso, perchè subito fossemo2 stadi prexi da la fuste de turchi. Vedando turchi esser lor venturoxi i se deliberò, e andò con tuta

  1. pigliassero.
  2. saremmo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/38&oldid=62494"