Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/37

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


armade per i tre patroni de le galie de Romania cun le sue zurme, i qual patroni si fo questi nominadi, ser Silvestro Trivixan de ser Nicolò, ser Jeruolemo Morexini fo de ser Bernardo, ser Jacomo Coco el grando.

E ancora fo armà asai bregantini, i qual fo armadi per li patroni de le nave, e in li diti bregantini, in parte d'essi ne iera pegola e brusca e polvere de bombarda, i qual iera sta chonzi per meter fuogo dentro e mandarli adosso de l'armada del turco. Ma l'ordene si iera sta dado, che le nave fosse andade avanti a investir perchè quelle podeva intivar1 le botte2 de bombarda; ma el meschin anemoxo de misser Jacomo Coco patron de la galia de Trabexonda volse esser lui el primo feridor in questa armada per aquistar honor in questo mondo. Siando tuta la nostra armada per mezo el mandrachio, dove che iera l'armada soa del turco, bixognava che le nave andasse avanti, ma perchè la nave vogava solamente remi quaranta per ladi, e per quela caxon la non podeva andar presto come faria una galia; ma misser Jacomo Coco patron de la galia de Trabexonda, come homo volonteroxo de aquistar honor in questo mondo, non volse aspetar che le nave fosse le prime de investir, anzi el sora dito misser Jacomo volse esser el primo feridor in la predita armada del turco; el dito misser Jacomo piò3 una vuoga batuda, e andò inverso quela armada, e quando che el fo per mezo l'armada del turco, i turchi si desserò una delle sue bombarde, e dè arente la pope, e nula i fe', daposa4 ne desserò una altra, e dege in nel mezo de la fusta, e passòla da una banda al altra; quela fusta non potè star de sora quanto che saria a dir diexe paternostri, subito l'andò a fondi con tuti i homeni che iera suxo. Vedendo tuti nui quela andar a fondi, ne feva grandissima compassion, aiuto a quela non se podeva dar per niun modo. I principali della fusta che se anegò si fo questi soto scriti: e prima misser Jacomo Coco patron de quela, ser Antonio da Corfù comito de la ditta, ser Andrea da Ruodo paron zurado, Marin Gebelin compagno, Polo Catanio compagno, Andrea dall'Aqua compagno, Andrea Steco compagno, Zuan Marangon balestrier, Zuan de Chirato balestrier, Zuan de Nicolò da Cataro balestrier, Nicolò Dandre balestrier, Nicolò Gulias

  1. imbroccare, e rintoppare in cosa, o persona; qui però in senso di resistere, sostenere, imbroccare ai colpi.
  2. colpi. —
  3. pigliò.
  4. quindi.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/37&oldid=62493"