Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 23 modifica]A dì vinti pur de questo mexe de aprile a ora de terza, avessemo vista de quatro nave grosse, che vignia suxo per il dardanelo da ponente, le qual vigniva da Genova credese, e vignia a Costantinopoli per dare soccorso a la zità; etiam vene per uno comandamento che fexe el serenissimo imperador de Costantinopoli a Zenovexi, che zascaduna nave de Zenovexi, che vignisse per secorso de Costantinopoli, e quele fosse carghe de che sorta marcadantia se voia, fosse liberamente franche tute marcadantie de ogni gabela aspetasse a l'imperador. Vignando a vela le dite quatro nave con ostria1 fresca, e d'agnora quele aproximandose verso l'angusoxa zitade, e come piaxete a Dio, quando queste quatro nave fo per mezo la zitade de Costantinopoli, subito el vento i bonazò, e trovarse le dite nave esser in gran bonaza; siando romaxe quele in bonaza, l'armada da mar de Machomet bej Turco perfido a la fede cristiana, si se mosse cun gran vigoria de anemo, la qual armada si se trova esser sorta a le colone, e con gran sonari de nacare, e cridori si vene verso le quatro nave con una vuoga rancada2, come homeni volonteroxi de aver vitoria contra el suo inimigo; ma pur non i zova a pregar el suo Machometo che i desse vitoria; anzi le pregiere de nui Cristiani, el nostro eterno [p. 24 modifica]Dio l'exaudì, che in questa bataja nui avessemo vitoria, come quì de soto vederete. Vignando le quatro nave a vela, e quele esser cadute in bonaza, l'armada del Turco si se mosse, e vene in ver queste nave. El capetanio de l'Armada del Turco fo el primo che investì cun gran ardir in la pope de la nave de l'imperador de Costantinopoli, e tuta altra armada si investì come . . . . . . meio fra tute quatro nave, ma pur la galia del capetanio de Turchi mai non se mosse cun i speroni3 da la pope del serenissimo imperador, zoè da la sua nave, dagandoi4 aspra bataja; e cusì tuta altra armada del Turco dagando asprissima bataja; e tute quatro nave, tal nave, avea cinque galie atorno, tal nave avea trenta fuste, tal avea quaranta parandarie, per modo che el dardanelo si iera coverto de fusti armadi, apena che se podesse veder aqua da tanta armada de questi malvaxi cani. La bataia durò salvo do ore in tre, e niuna de le parte non ave vitoria, ma pur le quatro nave nostre de cristiani ave più bel honor, e questo perchè abiando abudo adosso de sì5, vele zento e quaranta cinque de Turchi, d'esser scapolade da lor. Siando stade cusì combatude, e iera6 cadude in bonaza, forzo i fo a sorzer, e sorse per me' la zitade de Costantinopoli, pur cun spavento de lor armada, che la note non fosse assaltade. Ma siando imbrunida la notte, nui fessemo bona provixion, per dar soccorso a lor nave; fo mandado misser Chabriel Trivixan vizo capetanio de do galie cun la galia de misser Zaccaria Grioni el cavalier, e andò fuora de la cadena del porto de Costantinopoli cun gran vigoria e de sonari de trombe, e de gran cridori de zurme, per demostrar al nemigo nostro, che fosse assai più armada de quelo (che) la iera; avea do e tre trombete per galia, parea fosse almen venti galie, e Turchi vedando questo remor, forte se teme, e queste do nostre galie se remurchiò le quatro nave dentro del porto de Costantinopoli cun salvamento. L'armada del Turco volentiera si stete forte al sorzador a le colone; dubitava lor Turchi, che la nostra armada non fusse tutta levada, per andar a trovar lor Turchi. — El zorno seguente, che fo adì vinti uno de april, el signor Turco si se mosse dal campo, zoè da le mure de Costantinopoli, e cavalcò cun zerca diexemillia cavalli, e vene a le colone dove che iera la sua armada, per vedere e intender qual fo la caxon [p. 25 modifica]che el suo capetanio de la soa armada non avea possudo piar cun tanta armada quatro nave solamente. El signor Turco quando el fo azonto a l'armada, de subito fexe scender in terra el capetanio de l'armada soa, e quelo fece vignir a la sua prexentia, e in quela fiada el perfido Turco pien de tosego cuntra el capetanio si dise: traditor de la fede de Machometo, e traditor de mi to signor, ma qual è stada la caxon che tu non ha posudo piar, cun tanta armada che tu hai soto ti, quatro nave de cristiani, le qual avei bel combater per essere quele stade in bonaza morta? ma non abiando prexo quele, come voratu prender l'armada che son in porto in Costantinopoli? Respoxe el suo capetanio al signor Turco: signor, varda con i ochi, e poi tu porai creder cun el cuor, e te vo pregar non voler corer a furia; tu vedi cun li ochi tui, che pur solamente de la mia galia ne sun sta morti da queli cristiani de le nave, combatendo, persone cento e quindexe de la lè7 de Machometo, e tu sai, e per vista de tuti, che mai con li spironi de la mia galia non me ne partii da pope de la nave de l'imperador d'agnora combattendo aspramente, e la sperientia se vede con gli ochi, li omeni che me sun stadi morti, e cusì ne sun sta morti assai de le altre galie, e de queli de le fuste e parandarie senza numero, e messi a fondo di brigantini, sì che dal canto mio ho fato tuto el forzo che mai ho possuto, sì che signor, te voio pregar, che tu me diebi perdonar, e non voler correr a furia. El signor Turco, come homo indiavolào e pien de ogni mal pensier, e mal desposto sora el suo capetanio senza altro respeto a la prima loi8 dixe: traditor, e te voio mi medemo taiarte la testa; el capetanio cun tante sue bone parole sape far, che el se sparagna la vita soa, e scampa quela furia bestial del suo signor9. Ma el signor Turco privò quelo de esser più capetanio de quela armada, e privado che fo el dito capetanio de la sua capetanaria, el se fexe avanti el fiol de colui10, che fo capetanio quando che fo de misser Piero Loredan, quando fo de la rotta del pare de questo Turco, e disse costui al signor Turco: Signor si tu me fa capetanio de questa tua armada, e che staga11 al impeti de cristiani, da mo te imprometo de darte tuta l'armada de Cristiani in ne le man a man salva, e sì vignarò a far la vendeta de mio pare, e [p. 26 modifica]si questo che te ho dito non serà vero, da mo te digo senza dir altro, farame taiar la testa de prexente; e al Turco i consona el suo parlar, e fèlo capetanio zeneral da mar de tuta la soa armada, e dege de prexente el baston in man, e avelo fato so capetanio, come el fosse in pè12 de la persona del signor, a far e desfar come capetanio, come è lè zeneral. —

Hor lassiamo da mar, e vignimo suxo i fati da le mure da tera; pur in questo zorno de vinti uno de april, tuto questo zorno non fexe mai altro che bombardar le mure da tera da la banda de San Romano, e in questo zorno fo butada una tore per tera da tanto bombardar, con parechi passa de muro. Questo zorno fo el principio de spaurir queli de la tera, e ancora queli de l'armada, che quasi dubitaemo, che in nel prexente zorno non volesse dar bataja zeneral; tuti comunalmente crete13 veder capeli turcheschi dentro da la tera de brieve, ma pur el nostro mixericordioxo misser Jesù Cristo, el qual è pien de compassion, volse longare el termine, perchè la profetia avesse suo luogo, zoè quela esser adimplida, la qual profetia profetizò san Costantin fio de santa Lena, fo imperador de Costantinopoli. Hor sì, che siano rotto tanto gran pezzo de muro per el so bombardar, ognomo se vete perso, considerando in sè, come in puochi zorni aver rotto tanto bel muro; veramente ve digo, se in questo zorno avesse voiudo el Turco aprexentarse a le mure solamente con persone diexe milia, senza dubio niuno el feva l'intrada el signor dentro da la tera, e avariala prexe, cussì vilmente l'avessemo persa; ma per le consuetudini, che in tuti i luoghi del mundo se atruova ad esser di valenti homeni, i qual abia bon cuor, sì che però digo, che atruovandose alguni valenti homeni in questa zità de Costantinopoli, de i qual ne iera venitiani zentilhomeni, i qual iera asai più animoxi, che non iera Griexi, e questi tal venitiani si se messe a far boni e forti repari, dove che el iera de bexogno a le mure rote, i qual repari fo fati de bote piene de sassi e de tera, e da driedo le bote i fo fato uno fosso assai raxonevole grande, ed oltra del fosso fo fato uno arzerelo14 driedo el fosso de la tera che fo cavado el fosso con bruscadure15 de vide, e d'altre fassine de frasche, incorporado cun acqua per farlo ben duro, in muodo che el iera cussì forte come el fosse stato de muro; più in quel luogo non iera da dubitar de lor Turchi. Ma pur el malvaxio Turco dì e note de tute hore (non desisteva) de bombardar con tuto el suo forzo in [p. 27 modifica]quela porta, dove che sun fati i diti repari, la qual porta si se chiama San Romano; tuto el suo forzo el feze in questa porta de bombardar cun la sua bombarda grossa, che volse palma quindexe, e cun le altre sue bombarde, l'è più, schiopeti assaissimi, archi da freza senza numero, zarabotane assai, le qual cosse sempre continuamente steva a tra16 a queli che feva i repari. Lasso comprender a vui la quantitade che iera de Turchi asunadi a uno, per voler intrar dentro per i repari; per niun modo non se podeva veder tera, che zà la iera cuverta da lor Turchi, massimamente de janissari i qual sono i soldadi del Turcho, che sono i più valentomeni che abia el Turco, etiam ne iera assaissimi schiavi del Signor, i qual se cognose ai capeli bianchi, e i Turchi natural si porta i capeli rossi, i qual se chiama axapi; in nel dito zorno non seguì altra movesta.



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. ostro, austro, vento da mezzo dì.
  2. voca arrancata.
  3. vale: la punta della prua de' navili da remo.
  4. dandole.
  5. di sè.
  6. e per essere.
  7. legge.
  8. gli.
  9. Baltabogli era il nome dell'ammiraglio sconfitto.
  10. Il senso è: il figlio di Pietro Loredano, capitano all'epoca della rotta di Murad IIdo.
  11. affronti.
  12. in vece, alter ego.
  13. credettero.
  14. piccolo argine.
  15. bruscoli.
  16. lanciava.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/17&oldid=41747"