Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/18

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 27 modifica]A dì vintido pur de questo mexe de april, lo Signor Turco considerando, e vardando non poder nuoxer da la banda da tera, cun tute sue forze aver sperimentado, e però lo . . . . . malvaxio pagano impensosse, e fexe per inzegno de dover traghetar parte de la sua armada, che iera a le colone, dentro dal porto de Costantinopoli, per dover aver più tosto sua maledeta intention; e azò che vui intendiati a che muodo fexe questo can, questo so inzegno, vel narerò quì di soto1. — Abiando deliberado d'aver totalmente Costantinopoli, i acadeva2 aver armada dentro dal porto de Costantinopoli; siando tuta la sua armada sorta a le colone che sun mia do luntan da la tera, fexe che tute le zurme muntasse in tera, e fexe spianar tuto el monte che son de sopra la zitade de Pera, comenzando da la marina, zoè da lì da le colone dove che iera l'armada, per infina dentro dal porto de Costantinopoli, che son mia tre, e spianado che i ave tuto benissimo, i diti Turchi messe assaissimi ruodoli convexi dove che i avea spianado, i qual ruodoli sì iera onti benissimo de sevo per modo, che i deliberò de dover dar prinzipio de traghetar parte de questa sua armada, dentro dal porto nostro de Costantinopoli, e comenzò da alcune fuste minor, e messele suxo i diti ruodoli, e con una gran quantitade de Turchi se messe a tirar la dita fusta, e tirola in puoco spatio fino dentro dal navarchio de Pera; e come Turchi si vede, che questo [p. 28 modifica]inzegno i vignia bene, i andava traghetando ancora de queste so fuste minor, le qual fuste si iera de banchi quindexe, fina banchi vinti, e ancheerrata corrige originale vintido; ma al mundo non è possibel cossa, fosse vista tanta canaja a tirar le predite fuste per sura quela montagna, abiandone tragetà dentro dal porto de Costantinopoli ben fuste setantado, e redusele in porto dentro dal navarchio de Pera, e questo perchè lor Turchi avea bona paxe cun Zenovexi. Siando tute setantado fuste in quel mandrachio, lì se fexe forte, le qual fuste si iera ben armade, e ben in ordene de tute cose. —

Vedando queli de la nostra armada queste so fuste, non dubitè che i ave una gran paura, e questo perchè se dubitava, che una note le non fosse vignude assaltar la nostra armada insembre con l'armada che iera a le colone, perchè l'armada nostra si iera dentro de la cadena, e l'armada del Turco si era dentro de la cadena, e de fuora de la cadena, sì che per descrition posè intender, si quela steva con gran pericolo, et anche dubitaemo de fuogo, che i non fosse vignudi a bruxar le nave che steva a la cadena, e per forza tuti nui da mar convegniemo star in arme, zorno e note, e con grandi spaventi de lor Turchi. Ancora nui da mar, per dubito de lor, convegniemo tignir una galia sutil a la punta de Pera per antivarda, che l'armada, che iera a le colone non se movesse, e quando che sta galia vedeva, che l'armada se moveva, de subito la dita galia da la varda, vignia a far asaver al capetanio da mar, el qual si iera misser Alvixe Diedo, e subito tuti si iera a le poste in arme, ma questa cose si intravene poche fiade, perchè lor Turchi se dubitava a vegnir cussì a l'improvixa a la cadena, per tuorse tanta intromission de star a combatter contra tante nostre nave, che steva a la cadena, ma lor Turchi solo si vardava da far qualche assalto de note; ma l'eterno nostro Dio, el quale son mixericordioso di suo cristiani, non volse soffrir tanto mal per quela fiada, anzi ne messe in cuor a nui Cristiani, che i dovesemo nui assaltar lor, come per avanti vederete l'assalto che nui cristiani, fessemo a lor pagani, non restante che el nostro assalto non devignisse a nostro modo. —



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. Si legge in margine: li fu insegnà da un Cristian. — Mal a proposito il Cantù nella sua Storia degli Italiani Vol. 4, p. 483: "Maometto non potendo forzare la grossa catena del porto fece trascinar le sue navi attraverso alla lingua di terra, che ne lo separava, forse secondato dai Veneziani" etc.
  2. gli era mestieri.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/18&oldid=41748"