Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/32

Da Wikisource
Salta a ła navigasion Salta a ła riserca
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.

si questo che te ho dito non serà vero, da mo te digo senza dir altro, farame taiar la testa de prexente; e al Turco i consona el suo parlar, e fèlo capetanio zeneral da mar de tuta la soa armada, e dege de prexente el baston in man, e avelo fato so capetanio, come el fosse in pè1 de la persona del signor, a far e desfar come capetanio, come è lè zeneral. —

Hor lassiamo da mar, e vignimo suxo i fati da le mure da tera; pur in questo zorno de vinti uno de april, tuto questo zorno non fexe mai altro che bombardar le mure da tera da la banda de San Romano, e in questo zorno fo butada una tore per tera da tanto bombardar, con parechi passa de muro. Questo zorno fo el principio de spaurir queli de la tera, e ancora queli de l'armada, che quasi dubitaemo, che in nel prexente zorno non volesse dar bataja zeneral; tuti comunalmente crete2 veder capeli turcheschi dentro da la tera de brieve, ma pur el nostro mixericordioxo misser Jesù Cristo, el qual è pien de compassion, volse longare el termine, perchè la profetia avesse suo luogo, zoè quela esser adimplida, la qual profetia profetizò san Costantin fio de santa Lena, fo imperador de Costantinopoli. Hor sì, che siano rotto tanto gran pezzo de muro per el so bombardar, ognomo se vete perso, considerando in sè, come in puochi zorni aver rotto tanto bel muro; veramente ve digo, se in questo zorno avesse voiudo el Turco aprexentarse a le mure solamente con persone diexe milia, senza dubio niuno el feva l'intrada el signor dentro da la tera, e avariala prexe, cussì vilmente l'avessemo persa; ma per le consuetudini, che in tuti i luoghi del mundo se atruova ad esser di valenti homeni, i qual abia bon cuor, sì che però digo, che atruovandose alguni valenti homeni in questa zità de Costantinopoli, de i qual ne iera venitiani zentilhomeni, i qual iera asai più animoxi, che non iera Griexi, e questi tal venitiani si se messe a far boni e forti repari, dove che el iera de bexogno a le mure rote, i qual repari fo fati de bote piene de sassi e de tera, e da driedo le bote i fo fato uno fosso assai raxonevole grande, ed oltra del fosso fo fato uno arzerelo3 driedo el fosso de la tera che fo cavado el fosso con bruscadure4 de vide, e d'altre fassine de frasche, incorporado cun acqua per farlo ben duro, in muodo che el iera cussì forte come el fosse stato de muro; più in quel luogo non iera da dubitar de lor Turchi. Ma pur el malvaxio Turco dì e note de tute hore (non desisteva) de bombardar con tuto el suo forzo in

  1. in vece, alter ego.
  2. credettero.
  3. piccolo argine.
  4. bruscoli.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/32&oldid=62488"