Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/33

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


quela porta, dove che sun fati i diti repari, la qual porta si se chiama San Romano; tuto el suo forzo el feze in questa porta de bombardar cun la sua bombarda grossa, che volse palma quindexe, e cun le altre sue bombarde, l'è più, schiopeti assaissimi, archi da freza senza numero, zarabotane assai, le qual cosse sempre continuamente steva a tra1 a queli che feva i repari. Lasso comprender a vui la quantitade che iera de Turchi asunadi a uno, per voler intrar dentro per i repari; per niun modo non se podeva veder tera, che zà la iera cuverta da lor Turchi, massimamente de janissari i qual sono i soldadi del Turcho, che sono i più valentomeni che abia el Turco, etiam ne iera assaissimi schiavi del Signor, i qual se cognose ai capeli bianchi, e i Turchi natural si porta i capeli rossi, i qual se chiama axapi; in nel dito zorno non seguì altra movesta.

A dì vintido pur de questo mexe de april, lo Signor Turco considerando, e vardando non poder nuoxer da la banda da tera, cun tute sue forze aver sperimentado, e però lo . . . . . malvaxio pagano impensosse, e fexe per inzegno de dover traghetar parte de la sua armada, che iera a le colone, dentro dal porto de Costantinopoli, per dover aver più tosto sua maledeta intention; e azò che vui intendiati a che muodo fexe questo can, questo so inzegno, vel narerò quì di soto2. — Abiando deliberado d'aver totalmente Costantinopoli, i acadeva3 aver armada dentro dal porto de Costantinopoli; siando tuta la sua armada sorta a le colone che sun mia do luntan da la tera, fexe che tute le zurme muntasse in tera, e fexe spianar tuto el monte che son de sopra la zitade de Pera, comenzando da la marina, zoè da lì da le colone dove che iera l'armada, per infina dentro dal porto de Costantinopoli, che son mia tre, e spianado che i ave tuto benissimo, i diti Turchi messe assaissimi ruodoli convexi dove che i avea spianado, i qual ruodoli sì iera onti benissimo de sevo per modo, che i deliberò de dover dar prinzipio de traghetar parte de questa sua armada, dentro dal porto nostro de Costantinopoli, e comenzò da alcune fuste minor, e messele suxo i diti ruodoli, e con una gran quantitade de Turchi se messe a tirar la dita fusta, e tirola in puoco spatio fino dentro dal navarchio de Pera; e come Turchi si vede, che questo

  1. lanciava.
  2. Si legge in margine: li fu insegnà da un Cristian. — Mal a proposito il Cantù nella sua Storia degli Italiani Vol. 4, p. 483: "Maometto non potendo forzare la grossa catena del porto fece trascinar le sue navi attraverso alla lingua di terra, che ne lo separava, forse secondato dai Veneziani" etc.
  3. gli era mestieri.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/33&oldid=62489"