Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/05

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 5 modifica]In questo zorno, zoè di 14 dezembrio da può manzar, vene in galia da misser lo capetanio el reverendo gardenal de Rosia con el vescovo de Metelin, etiam ne vene misser lo bailo con molti baroni del imperador e tutti nostri marcadanti, etiam ve iera misser Cabriel Trivixan vizo capetanio de do galie sutil, e ancora ve iera tuti 3 i patroni de le galie grose, et altre persone asai. Siando tuti homeni suxo la galia del capetanio, el gardinal se fo el primo che parla e dise: che romagnando queste 5 galie in questa zità de Constantinopoli, non n'averemo dubito in questo inverno, che fuste de Turchi ne vegna a danizar el porto nostro, e a combater per altra via, e questo medemo si dise el vescovo de Metelin, e i baroni del imperador, si ne parla asai suxo questo retegnir de galie per defension de questa zità de Costantinopoli, poi parla misser lo bailo digando: misser lo capetanio, io ve so confortar, prima per l'amor de Dio, e poi per honor de la cristianitade, e per honor de la signoria nostra de Veniexia, che vui dobiè romagnir qua in Costantinopoli a obedientia de l'imperador, e questo perchè la nostra signoria de veniexia si l'avrà forte a bene de la romagnuda vostra. Dito che ave ognomo, respoxe messer lo capetanio: vui santissimo padre, e vui bon signor, e vui messer lo bailo, e vui tuti che siete al prexente che me aldite1, mo non savè vu ben che la mia signoria sì me ha dado per comision, che da poi zonta la galìa de Trabexonda, in questa tera io non posso star più de zorni 10? come dunca volè vu, che romagna in questa tera? Ma vui vedereti che da può che vui non me avete voiudo dar licentia de tuor le marcadantie in galìa, io me ne anderò questa notte a bun viazo [p. 6 modifica]cusì come me vedé in saorna,2 e chi vorà vegnir a veniexia, vegnirà. Come misser lo bailo con i marcadanti intexe la opinion de misser lo capetanio, che el iera al tuto disposto de partirse in la dita hora, misser lo bailo con i marcadanti andò in tera, e li fexe conseio de retegnir le galìe a defension de Constantinopoli, prima per l'amor de Dio, e può per honor de la cristianitade; in nel qual conseio fo retignude le galìe, come avanti vederete la parte prexa in nel dito conseio.

MCCCCLII adì XIV dezembrio di zuoba3:

Congregato el conseio in la giexia de santo Marco4 qua in Constantinopoli per el nobel homo magnifico misser Jeruolemo Minoto per el serenissimo ducal, degno bailo de Constantinopoli, e questi soto scriti fo queli zentilomeni che se trovò a esser nel conseio:

ser Felipo Contarini camerlengo
ser Nicolò Zustinian fo de ser Bernardo
ser Fabruzi Corner fo de ser Zuane
ser Catarin Contarini fo de ser Zuane
ser Nicolò Mozenigo fo de ser Lunardo (el primo)
ser Michiel Boldù fo de ser Benedeto
ser Batista Gritti fo de ser Homobun
ser Dolfin Dolfin fo de ser Domenego
ser Tomao Mozenigo fo de ser Marin
ser Alvixe Bembo fo de ser Benettin
ser Zuan Venier patron de nave da Candia
ser Nicolò Balbi de ser Marin
ser Piero Nani de ser Zuane
ser Francesco Michiel fo de ser ....
ser Zacaria Barbaro de ser Matio
ser Antonio Bembo fo de ser Benetin
ser Zuan Loredan de ser Polo
ser Piero Contarini fo de ser Francesco
ser Piero Trivixan de ser Zuane
ser Francesco Venier de ser Bernardo
ser Antonio Pizamano de ser Nicolô
Summa XXI.
Propoxitio per ejus dominus bailus:

Fada prius propoxitione per magnificum dominum bailum, et super multa desputata per nobiles superscriptos, tandem per eumdem dominum bailum poxita fuit pars tenoris infrascripti. [p. 7 modifica]

Cum sit per la nizisità de questa zità per la vera hano questi Grexi con lo signor turco, loro azano5 richiesto, e al tuto pretignando6 retegnir le 3 galìe grosse da marchavo, e le do galìe sutile per conservatione de questa zità, in modo non lassano andar fuora de la tera, ni marchadanti ni marcadantìe, etiam considerando questa cossa esser importantissima: L'andarà parte per autorità de questo conseio, se eleza do conseieri a far provixion super ziò, apresso a esser misser lo bailo. - Questi de parte fo eletti conseieri:

ser Nicolò Zustinian fo de ser Bernardo
ser Fabruzo Corner fo de ser Zuane.

Considerando la estrema nezexità al prexente se trova questa zità de ogni secorso per aspetar de brieve esser espugnata da mar e da tera dal Signor turco con quanto forzo lui potrà; etiam la richiesta del serenissimo imperador e del Reverendissimo magnifico monsignor misser lo gardenal; e lo gran sufragio seguirà a essa zità; etiam l'onor de Dio e de la nostra illustrissima signoria de Veniexia, e de tutta la cristianitade: L'andarà parte de parer della magnificentia de misser lo bailo, e de misser Nicolò Zustinian, e de misser Fabruzi Corner conseieri eleti supra questo, se debia retegnir le tre galìe grosse da marchavo, e le do galìe sutil, per defension de questa cità e di marcadanti e marcadantìe se atrova al prexente in Constantinopoli, per fina senza altro comandamento da la nostra signoria de veniexia, intendando7 in questo mezzo, se avesse ferma nova, lo ditto Turco non fosse per vegnir a questa zità, alora el se possa per questo conseio liberar le 3 galìe grosse, e le do galìe sutil, non ostante la parte, con questo, che lo imperador debia dar ducati 400, el pan per galìa grossa, al mexe, e a le galìe sutil, el pan per la zurma per infina starano qui retignude, dechiarando, li due capitanii, zoè quelo de le tre galìe grosse, e quelo de le do galìe sutil, in quanto ofese8 a la parte, cadano a la pena de ducati 3000 per zascheduno in li sui proprij beni, la qual pena diebia scuoder la mità l'avogaria de veniexia, e l'altra mitade el comun de veniexia

balote XXI fuerunt de parte
balote una de non. -

Abiando fato el conseio, che le galìe dovesse romagnir in Constantinopoli, non resta che i capetanii ad ogni modo voiano partirse, e pagar la pena de ducati 3000 per zascaduno, e però i marcadanti [p. 8 modifica]per prevalerse lor con le sue mercadantìe, cunvene far uno protesto, e protestar i capetanij che non se partisse, el qual protesto è qui soto scrito:

Considerando in tuti li caxi pericoloxi, sia laudebel cosa apresso a Dio e tuto el mundo, etiam l'eficaze richiesta feze lo serenissimo imperador, che nui dovesemo prevalerse con li più debiti e onesti muodi, e non posibil etiam, massime vedendo la richiesta feze lo serenissimo imperador in la giexia de santa Sofia de Constantinopoli a la magnificentia de misser lo bailo, dixendo molte raxone, per le qual non dubita nula, che la lustrisima signoria de veniexia, sentando lo estremo pericolo de questa cità de Constantinopoli e suo imperio, come per lo pasato sempre evidentissime se à veduto, e breviter concludendo se faza tal provixion, che le 3 galìe grosse con le do sutile se atrovano qui al presente, dezano9 romagnir qui per conservation de questa zità, fin10 de tuto se ha data notitia a la prefata nostra signoria, e da lei se aza11 altro comandamento, e più oltra esta rechiesta, sia stati retignudi nui marcadanti in persona con tuto nostro aver in tera per esser state12 le porte, e con grandissima custodia, non posiamo con tute nostre robe e aver, levarse; per la qual rechiesta, e ubligatione, che feze la magnifizentia de misser lo bailo, nui marcadanti siamo vignudi a la prexentia de vui misser Aluvixe Diedo degnisimo capetanio de ste 3 galìe grosse, apresso el qual anche vui misser Chabriel Trivixan digno capetanio de ste do galie sutil . . . . . . sopra tute scrite cose et novità narando.13 Dal qual misser Aluixe Diedo nulo fondamento se potè aver, salvo, al tuto eri disposto lassando le persone nostre, el nostro aver in tera; e tal risposta per concluxione avuta, lo prefato magnifico misser lo bailo, insieme con nui marcadanti, se partisemo e andasemo en giexia de santa Maria de Costantinopoli, convocato il conseio di dodexe, ma per esser cosa importantissima, se trovasemo vintidò zentilhomeni, e lì fo messo per parte al tuto per le estreme caxone, che queste tal 3 galìe grosse, e queste do sutile siano retignude con li modi honesti in la parte narante, la qual parte subito a vui fo mandato a lezere per el canzelier del magnifico misser lo bailo [p. 9 modifica]a ora una de note adì 14 del mexe de dezembrio. - Vui voleste la copia, et uno de li conseieri sono stà de la parte; dove14 la matina seguente fo dì 15 del dito mese de dezembrio, non solo uno conseier, ma la magnifizentia de misser lo bailo con tuti nui mercadanti vignisemo a la prexentia vostra con la copia de la dita parte, e poi mandato a vostra requixition la copia de do capitoli de la comission de misser lo bailo, e da vui avessemo per resposta, che hozi da matina, è adì 16 dito, faresti deliberation, o de andar, o veramente de romagnir; et hozi a vostra requisition si è venuto messer Nicolò Zustignan a la prexentia vostra, a la qual (non?) aveti risposto. E mo ne par esser menati per longo, in però nui siamo deliberado di non esser più menadi per longo, e remettendose in le man del nostro misericordioxo misser Jesus Christo, e de la sua madre madona santa Maria, tuti nui quanti, e da quanti soto scriti, per ogni inviditia15 vien a nui possibele, salvo sempre la reverentia del vostro capetaniado, vi protestemo in la persona, etiam in li beni vostri cognosando de ogni dano e interesse ne potesse seguir sì in le persone nostre, come in ne l'aver nostro, per lo partir vostro, lassando nui in tera con tuto nostro aver, e de questo intendando ve protestemo con quela aficatione16, e maniera posibele.

Questi tuti quanti soto scriti si sotoscrise al protesto sora scrito che el capetanio dovesse romagnir in Constantinopoli:

io Nicolò Zustignan fo de misser Bernardo ve protesto con quela aficazione in tuto e per tuto come de sora è scrito.
io Fabruzi Corner fo de misser Zuane ve protesto in tuto e per tuto come de sora è scrito, cussì per mi come per i mie maistri.
io Domenego Balbi fo de misser Nicolò ve protesto in tuto e per tuto cussì per mi come per i mie maistri.
io Catarin Contarini fo de misser Zuane ve protesto in tuto e per tuto come de sora è scrito.
io Nicolò Mozenigo fo de misser Lunardo el primo, ve protesto in tuto e per tuto cussì per mi come per i mie maistri cusì cho de sora è scrito.
io Michiel Boldù fo de misser Benedeto ve protesto in tuto e per tuto come de sora è scrito cusì per mi cho per i mie maistri.
io Tomà Mozenigo fo de misser Marin ve protesto in tuto e per tuto come de sora è scrito. [p. 10 modifica]
io Nicolò Balbi de misser Marin ve protesto in tuto e per Tuto come de sora è scrito.
io Zacaria Barbaro de misser Matio ve protesto in tuto e per tuto cussì per mi come per i mie maistri.
nui Aloise Bembo e Antonio Bembo fo de misser Benetin ve protestemo in tuto e per tuto cusì per nui come per i nostri maistri, cusì cho de sora è scrito.
io Dolfin Dolfin fo de misser Domenego ve protesto in tuto e per tuto cho de sora è scrito, cusì per mi cho per i mie maistri.
io Pietro Contarini fo de misser Jacomo ve protesto in tuto e per tuto cusì cho de sora è scrito, cusì per mi cho per i mie maistri.
io Piero Trivixan de misser Zuanne ve protesto in tuto e per tuto cusì cho de sora è scrito, cusì per mi, cho per i mie maistri d'ogni dano ne seguise.
io Bertolamio Zorzi de misser Francesco ve protesto in tuto e per tuto cussì per mi, come per i mie maistri.
io Aluvixe Contarini fo de misser Jacomo ve protesto in tuto e per tuto, cusì per mi cho per i mie maistri, chusì chome de sora è scrito.
io Marin Contarini de misser Bertuzi ve protesto in tuto e per tuto chussì cho è sora scrito.
io Nicolò Morexini de misser Jacomo ve protesto in tuto e per tuto chusì cho de sora è scrito, chusì per mi, cho per i mie maistri.
io Aluvixe Navaier fo de misser Michiel ve protesto in tuto e per tuto, cussì cho è de sora scrito.
io Mafio di Priolli fo de misser Piero ve protesto in tuto e per tuto, cussì chome de sora è scrito.
io Donao Trun fo de misser Piero ve protesto in tuto e per tuto, chussì per mi, cho per i mie maistri.
io Piero Zantani protesto chussì per mi cho per i mie maistri cho de sora è scrito.
io Luca di Rossi protesto chussì cho de sora è scrito, e per i mie maistri.
io Aluvixe Faxol protesto segondo chome ha fato i altri.
io Zuan Zon protesto chussì chome de sora è scrito.
io Aluvixe Redolfi protesto sora i vostri propij beni.
io Antonio Davanzo protesto chussì chome dessora è scrito.
io Zuan Zon protesto chussì cho de sora è scrito per i altri.
io Domenego Grimaldi protesto chussì cho de sora è scrito.
io Aluvixe Traldini protesto chussì cho de sora è scrito. [p. 11 modifica]
io Aluvixe de Chanal fo de misser Bartolamio ve protesto in tuto e per tuto, chussì per mi, cho per i mie maistri, chussì chome de sora è scrito.



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. ascoltate.
  2. zavorra, e qui vale: col solo carico della zavorra.
  3. giovedì
  4. più avanti, santa maria.
  5. abbiano.
  6. pretendendo.
  7. sottintendendosi però, che se etc.
  8. contravvenissero
  9. debbano
  10. finattantochè.
  11. abbia.
  12. chiuse.
  13. Il senso è: Siamo venuti per esporre le cose sopra scritte, tanto a voi messer Diedo ecc. ecc. che a voi messer Trivisano ecc.
  14. di che.
  15. calda esortazione, pressa.
  16. efficacia.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/05&oldid=41735"