Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


io Aluvixe de Chanal fo de misser Bartolamio ve protesto in tuto e per tuto, chussì per mi, cho per i mie maistri, chussì chome de sora è scrito.

Fatto el conseio de dover romagnir qua in Constantinopoli per defension de la zitade, e fatto el sora scritto protesto, e sotto scritto per la più parte de nui marcadanti, e però l'achade per ogni via e muodo de dar notitia ala nostra lustrissima Signoria de Veniexia del retegnir nostro de qui con le galìe, e nostro aver, e però nui fessemo el conseio di dodexe in la giexia de santa Maria de Constantinopoli, de dover mandar a Veniexia Zuan Diusnaigi con la sua nave, e portar lettere de misser lo bailo, e de misser Aluvixe Diedo capetanio de le galìe de la Tana, e de misser Chabriel Trivixan vizo capetanio de le do galìe sutile, le qual letre le dovesse aprexentar a la nostra ilustre Signoria de Veniexia, azò quela avesse avixo del retignir nostro qua in Constantinopoli. Questo conseio si fo fato adì 17 dezembrio. Prexo che fo per parte, che Zuan Diusnaigi andasse a Veniexia, non se resta de far uno altro conseio, fo adì 19 pur dezembrio, per mandar letre per tera per tute vie posibele, e ancora per la via da Sio, pur per dar avixo a la prefata nostra signoria del retegnir nostro; ancora pur in questo mexe fo adì 22 fesemo conseio di dodexe per spazar uno messo pur a Veniexia per la via de la Turchia, pur per dar avixo de questo nostro retignir, in nel qual avixo fo fato tre brieveselli che se drezzava pur, a la nostra signoria de Veniexia, azochè l'avesse più tosto avixo del retegnir nostro, e questi tre brieveseli, fessemo azochè i no fosse stadi trovadi adosso de color, che i portava a Veniexia, perchè si Turchi avesse trovà queli, i vignia a saver tute le nostre provixion, che nui avemo fatto. Uno scrisse misser lo bailo, l'altro scrisse misser Aluvixe Diedo capetanio de le galìe de la Tana, l'altro scrisse misser Chabriel Trivixan vizo capetanio de le do galie sutil.

Adì 26 Zener1 andò misser lo bailo con tuti do i capetani de le galìe, e con tuti nostri marcadanti ala prexentia del serenissimo imperador, e a lui imperador fo domandato de gratia per misser lo bailo, che nui fossemo in libertà de dover cargar le nostre marcadantie in le galìe nostre, e non esser zercadi2 a le porte de la tera vostra, come se fa in tera de mori; se nui portemo marcadantìe in le galìe nostre, nui el possiamo molto ben far a baldeza3, per l'autorità che nui avessemo dal vostro imperio, quando che nui el posedessemo questo

  1. 26. Gennajo 1453.
  2. cercati.
  3. francamente, con autorità
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/17&oldid=62471"