Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/11

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


union sì se intende, che i sia unidi come nui franchi, e non aver più sisme in la giexia, et eser tuta una medema leze e una fede, e dir messa nui in le sue giexe, e lor griexi dir messa in le nostre giexie latine.

Adì 13 pur dezembrio fo praticado de retignir le galie grosse de marcavo per conservation de Costantinopoli, e questa pratica fo fatta in la giexia de santa Sofia, e lì ve iera l'imperador, el gardenal de Rosia, el vescovo de Metelin,1 e tuti i Baroni de l'imperador, e tuti marcadanti de le nation, e la più parte del populo de questa zitade, e tuti digando per una voxe: se queste galie de venitiani se partirà de questa tera con queste nave che al prexente se truova in porto, nui de boto semo prexi da Turchi; e in questo raxonamento l'imperador si andò a disnar con tuti li suo baroni, e cusì fexe ognomo, e in questo zorno non fo fatta altra pratica, salvo raxonamenti asai.

In questo zorno, zoè di 14 dezembrio da può manzar, vene in galia da misser lo capetanio el reverendo gardenal de Rosia con el vescovo de Metelin, etiam ne vene misser lo bailo con molti baroni del imperador e tutti nostri marcadanti, etiam ve iera misser Cabriel Trivixan vizo capetanio de do galie sutil, e ancora ve iera tuti 3 i patroni de le galie grose, et altre persone asai. Siando tuti homeni suxo la galia del capetanio, el gardinal se fo el primo che parla e dise: che romagnando queste 5 galie in questa zità de Constantinopoli, non n'averemo dubito in questo inverno, che fuste de Turchi ne vegna a danizar el porto nostro, e a combater per altra via, e questo medemo si dise el vescovo de Metelin, e i baroni del imperador, si ne parla asai suxo questo retegnir de galie per defension de questa zità de Costantinopoli, poi parla misser lo bailo digando: misser lo capetanio, io ve so confortar, prima per l'amor de Dio, e poi per honor de la cristianitade, e per honor de la signoria nostra de Veniexia, che vui dobiè romagnir qua in Costantinopoli a obedientia de l'imperador, e questo perchè la nostra signoria de veniexia si l'avrà forte a bene de la romagnuda vostra. Dito che ave ognomo, respoxe messer lo capetanio: vui santissimo padre, e vui bon signor, e vui messer lo bailo, e vui tuti che siete al prexente che me aldite2, mo non savè vu ben che la mia signoria sì me ha dado per comision, che da poi zonta la galìa de Trabexonda, in questa tera io non posso star più de zorni 10? come dunca volè vu, che romagna in questa tera? Ma vui vedereti che da può che vui non me avete voiudo dar licentia de tuor le marcadantie in galìa, io me ne anderò questa notte a bun viazo

  1. Leonardo da Scio, venuto a Costantinopoli col Carde Isidoro.
  2. ascoltate.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/11&oldid=62465"