Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/01

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 1 modifica]Ritrovandome a esser personalmente in questa disfortunada zittade di Costantinopoli, home deliberado a metter in scrittura tutte le cose che siegue, per il combatter che fanno Machomet1 bej fio che fo de Morato2 turco, per il qual combatter have la zittade ditta Costantinopoli; e azò se possa ben intendere particularmente a che modo la fo prexa, dirò prima dove prozesse la vera3 del turco a Griexi, e poi ordenadamente intenderete tutte le battaje fatte a zorno a zorno, come per avanti intenderete, dal principio fino al finimento del aspra e passionevole presa soa.

Mille quattrozento e cinquanta do de Marzo, Machomet bej turco dè prinzipio a fabricar uno castello belittissimo,4 luntan mia sie de Costantinopoli verso la boca de mar mazor,5 el qual castello hanno tore quatordexe, de le qual quatordexe, ne sun cinque principal coverte de piombo, e sono maxize;6 e quando il ditto turco vene a fabricar el ditto castello, vene da Garipoli7 con galie 6 compìe8 e fuste 18, e parandarie9 16, e vene in le aque di Costantinopoli per deficar questo castello, e deficòlo mia 6 luntan da Costantinopoli da la banda de la Grexia per me'10 il castel vechio; e per tuto il mese d'avosto 1452 questo castello se fo compido, e questo castelo [p. 2 modifica]solo fo fato per aver la zittade de Costantinopoli. — L'imperador che temea el suo nemigo, che gera11 el turco, ogni zorno mandava prexenti al turco che fabricava el castelo, e mandava imbasarie ogni zorno, e tutto questo l'imperador feva per paura. E quando fo compido el castelo che fo del mexe d'avosto del 1452, i12 retène in quel castelo do ambassadori de l'imperador, e felli taiar la testa, e in quel trato fo rotta la vera dal turco a Griexi, e in quelo el turco vene a metter campo a Constantinopoli con zerca persone 50000, e stette salvo zorni tre a campo, e l'armada da mar tornò a dexarmar a Garipoli, e azonse a dì 6 de settembre, e queli da tera si fè el simile. Questo tal castelo, si son fortissimo da mar, per niun muodo non se poria averlo, per esser assaissime bombarde alla marina e per suxo le mure, ma da tera el son forte, ma non tanto come da mar. El primo colpo che drè13 la bombarda grossa de questo castelo afondò la nave de Antonio Rizo che vignia de mar mazor, che non volse calar, carga de orzi per soccorso de Costantinopoli; questo fo de 26 novembre 1452; el patron de quela si fo piado14 in aqua, e quelo fo mandado in Andrinopoli al signor turco, e quel fo messo in prexon, e in cavo de zorni 14 el signor el feze impalar suxo un palo, e uno fio che fo de ser Domenego di Maistri el suo scrivanelo15 lol mese in nel suo seraio, e alguni marinari lo i dè lizentia che i dovesse venir a Costantinopoli; altri fece tagliar per mezzo; e avanti che el ditto Antonio Rizzo fosse morto, el bailo de Costantinopoli mandò per imbassador al turco ser Fabruzi Corner per poderlo deliberar, e non potè far gnente, che zà el signor chan l'avea fatto morir, over deliberado de far morir suxo el palo.

Il ditto ser Fabruzi Corner, che andò lì per imbasador, tornò indriedo a Costantinopoli con la galìa de misser Chabriel Trivixan, e questo si fo uno prinzipio de romper vera con noi de Veniexia, che za avanti jera rotta vera con Griexi.16 El ditto turco se comenza a [p. 3 modifica]metter in ordene questo mese de zener, per vegnir qua a combatter Costantinopoli, e fa gran exerzito per tera e per mar, per combatter questa misera zittade piena d'afano. Del mexe de fevrer el turco comenzò a mandar le sue bumbarde xoso Costantinopoli acompagnade con turchi diexe millia. In questo ditto mexe, griexi andava in corso con fuste 3, a roba de Turchi, e molto danizava el paexe del turco, e in fra i dani che li feva, i piava assai turchi, e que' duxevei17 a vender a Constantinopoli, e in quela fra Turchi si se desdigna sora i griexi, e zurò de dare el malano a griexi. In questi zorni azonse qua in Costantinopoli messer Chabriel Trivixan vizo capetaneo de do galìe sutil, soracomito de una de quele ser Zacaria Grioni el cavalier, e queste do galìe avea mandà la signoria de Venexia per accompagnare a Venexia le 3 galie da marcado che vignia dalla Tana, etiam vene per dar socorso a questa zitade de Costantinopoli. Hor da poi pasadi ver quanti zorni, l'azonse una nave che vignia da zenova, de zenovexi, de portada de cantara trenta sie millia con el gardenal de Rosia,18 che manda el papa per dover far la union, e dusse con sì homeni 200 fra scopetieri e balestrieri per secorso de questa zitade de Costantinopoli, e in questo mexe vene da Candia nave oto carghe de malvasia per dar da viver pur a questa zitade.



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. Maometto IIdo succeduto a Murad IIdo nel Febbrajo del 1451.
  2. Murad IIdo.
  3. guerra.—.
  4. bellissimo.—. Appena giunto al trono, Maometto non che rompere guerra all'impero greco, accordò l'annuale provvisione per Urchan, nipotino di Suleiman già Signore di Adrianopoli. Uscito ivi a poco contro il Caraman, i greci gli fecero pressa, perchè desse un doppio appanaggio ad Urchan da loro custodito in Costantinopoli, con minaccia di farne un aspirante al potere. Fu allora che Maometto, stretta subita pace col Caraman, deliberò scagliarsi alla rovina dell'impero bisantino, e vi diede cominciamento colla fabrica del castello.—
  5. Così chiamavano nel medio evo il mar nero.—.
  6. massicce. Gli storici non fanno cenno che di tre torri; l'edificio era configurato a triangolo, i cui lati erano formati da una torre.
  7. Gallipoli.
  8. perfettamente fornite.
  9. Legno da carico, e da guerra. Vedi Jal. archéologie navale.
  10. Per mezzo, presso. Il castello vecchio eretto da Bajesid Jildirim chiamavasi Güselhissar, e Boghaskesen quello di Maometto IIdo.
  11. era.
  12. egli, cioè Maometto.
  13. disserrò. Si legge in margine: "pose leze, che tutte le nave, che venivano da mar mazor, et intravano, dovesseno calar le vele, et mandar il schifo dal castellan a tuor licentia de passar, altrimenti fusse buttà a fondi." Ci ha più; ogni nave era soggetta a gabella.
  14. pigliato.
  15. Lo scrivanello serviva allo scrivano della nave. Vedi Jal. Vol. 1. p. 315.
  16. cioè tra 'l Turco, e i Greci. Riuscite vane a Costantino tutte le pratiche per piegare Maometto, lo pregò che essendo di prossimo la mietitura avesse almeno compassione agli abitanti dei villaggi sul Bosforo. Ma ogni cosa fu invano, e nel giugno del 1452 si venne al sangue fra greci molestati nelle fatiche della ricolta, e la soldatesca del Sultano. Costantino ordinò allora si chiudessero le porte di Costantinopoli.
  17. conducevano.
  18. di Russia. Era questi il cardinale Isidoro, arcivescovo di Kiow, inviato da Nicola Vo per dare effetto all'Unione della chiesa greca colla latina.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/01&oldid=41732"