Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/9

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


metter in ordene questo mese de zener, per vegnir qua a combatter Costantinopoli, e fa gran exerzito per tera e per mar, per combatter questa misera zittade piena d'afano. Del mexe de fevrer el turco comenzò a mandar le sue bumbarde xoso Costantinopoli acompagnade con turchi diexe millia. In questo ditto mexe, griexi andava in corso con fuste 3, a roba de Turchi, e molto danizava el paexe del turco, e in fra i dani che li feva, i piava assai turchi, e que' duxevei1 a vender a Constantinopoli, e in quela fra Turchi si se desdigna sora i griexi, e zurò de dare el malano a griexi. In questi zorni azonse qua in Costantinopoli messer Chabriel Trivixan vizo capetaneo de do galìe sutil, soracomito de una de quele ser Zacaria Grioni el cavalier, e queste do galìe avea mandà la signoria de Venexia per accompagnare a Venexia le 3 galie da marcado che vignia dalla Tana, etiam vene per dar socorso a questa zitade de Costantinopoli. Hor da poi pasadi ver quanti zorni, l'azonse una nave che vignia da zenova, de zenovexi, de portada de cantara trenta sie millia con el gardenal de Rosia,2 che manda el papa per dover far la union, e dusse con sì homeni 200 fra scopetieri e balestrieri per secorso de questa zitade de Costantinopoli, e in questo mexe vene da Candia nave oto carghe de malvasia per dar da viver pur a questa zitade. E a dì 10 novembrio azonse qua le do galie grosse che vegnia da Cafa, e quando le ditte galie fo per me' el castelo del turco, vignando a vela, turchi comenzò a gridar: cala capetanio per to mejo; e pur le galìe vignia ben a vela, e pur turchi si dixea: cala capetanio. El capetanio in quela fiada si cala fino a cavo de spaetta, e cussì fexe la sua conserva, e pur i ditti Turchi dixea: cala fino a basso. Come Turchi vede, che i no volea calar, i commenzò a desserar le sue bumbarde, e molti scopeti, e assaissime freze in modo che i vastava assai homeni. — Come el capetanio vede a vastarse tanti homeni delibera de calar fina a basso, e cusì fexe la sua conserva; calado che i ave, Turchi zessa de bumbardar, e in quello la concurentia menava le galìe in vre Costantinopoli; e come le galìe ave passà el castelo, e che Turchi non i podea

  1. conducevano.
  2. di Russia. Era questi il cardinale Isidoro, arcivescovo di Kiow, inviato da Nicola Vo per dare effetto all'Unione della chiesa greca colla latina.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/9&oldid=62549"