Fato de Cronaca

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 34 modifica]


Fato de Cronaca


     Fra la vita e la morte la lotava,
I xe corsi a ciamar el professor,
E intanto, come bissa, dal dolor
La se storzeva in leto e la zigava.
Xe capità el dotor,
Con un ociada,
El ga capì che quela povereta
Iera una dona andada.
In un lampo coi feri el ga cavà
Una bela creatura sana e forte
De do vite, strapando una ala morte.

     Le amiche che aspetava zo in porton
Per parlar col dotor, co ga sentì
Che el povaro marì
Urlava de passion,
Xe corse tute in camera e vedendo
Quela morta, quel omo disperà
Che sustava piansendo,
Le xe restade tute senza fià
Con un gran gropo in gola.
Che passar no lassava una parola.

[p. 35 modifica]


     Sul stesso leto della morta, intanto
La comare infassava la putela,
Che la gente che sgoba no ga tanto
De sostegnir la spesa
Per comprarse do leti,
E in un de una persona e mesa
I dormi e i xe contenti, povereti.

     Co ga visto el dotor
Che stava andando via,
Quelle done fermade sula porta,
Che fissava con ocio de dolor
Quela povera morta,
El ga dito: da brave, una de cor
Per quela creatura!
Se el papà va al lavor
Che qualchiduna de ela gabi cura.

     La ciogo mi! xe sta una vose sola,
Ma una, la più giovine: — andè là,
Per darghe la fiascheta e te de viola!
Grazie a Dio son mi qua
Per darghe late bon — son forte e stagna
Zinque e uno sie! Sarà una gran cucagna.

     Dir e ciaparse in brazo la putela
Tuto un lampo xe sta. —
A quel azion de amor nobile e bela,
El povero papà
Tuto tremante dala comozion
Le man el ga basà
De quela dona,
Con tanta devozion
Come se fossi stada la Madona

[p. 36 modifica]


     Con questo, la putela
Nel suo fazoleton involtizada,
La se ga ciolto in brazo e filà via;
A casa sua arivada,
La ga da presto late prima a quela
Dopo ala propria fia;
Po sazie tute do
La le ga messe zo.
E nela stessa cuna i do viseti
Dormiva che pareva do angioleti.

     Straco de aver sgobà,
Iera le sie, el marì
Capita a casa. Tuti i fioi in coro:
Papà scoltime mi, scoltime mi,
Mama ne ga comprà
Una nova sorela,
Un angelo, un tesoro.
Tanto, ma tanto bela.

     — Ciò, i fioi diventa mati! disi lu
La moglie ridi che no la pol più.
El marì guarda in cuna,
El vedi do putele invese de una. —
— Che nova, ti diventi anca ti mata,
De chi xe st'altra fia?

     — Oramai, la xe fata,
Disi calma la moglie: ― La xe mia!
E qua in poche parole
La ghe spiega la storia tal e qual,
Lu alfin comosso: — Za col te de viole
I ghe fazeva presto el funeral. —
Ma ti te gaverà late abbastanza?

[p. 37 modifica]

— Per questo vecio mio, no aver pensier
Go late in abondanza
E po sta bona azion me fa piazer.
     — No baba mia, no voio aver passion
De vederte smagrir,
Mi te voio nutrir,
Voio vederte bela come un fior. —
Pregarò el litio paron
Che me fazi far „quarti“
Dopo finì l'orario de lavor,
E qualche bira voio che ti bevi
Per far do buli arlevi.
La bira fa assai late,
Te par poco dover nutrir do tate?

     E qua, guardando in cuna la putela:
― Mostra de mula, la xe nanca bela!
Se vedi che no xe nostra semenza
Zinque e una sie, za fioi, xe providenza!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Fato_de_Cronaca&oldid=69324"