El bordelo del parnaso

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
El bordelo del parnaso
Edission e fonte ▼

[p. 88 modifica]

EL BORDELO DEL PARNASO.


     Apena sento a dir, che Sior Tonin
Xe per farse Dotor de medicina,
Siccome l'ò adorà fin da putin,
Perchè el gera una cara creaturina,
5Stabilisso de farghe un Sonetin,
Un Madrigal, o pur 'na canzoncina,
Per mostrarghe col fato, che'l mio cuor
Per lu xe pien de stima, e tuto amor.
     Me taco donca la chitara al colo,

[p. 89 modifica]

10E come che de far son consueto,
Quando voi butar zoso a rompicolo
Versi più petitosi del sguazzeto,
Invoco la mia Musa, e 'l Sior Apolo,
Perchè i me daga un'estro benedeto;
15Ma posso ben chiamarli, chè sta volta
Sti cani senza pelo no i m'ascolta.
     Co me vedo in sto modo abandonà,
E, che più che li chiamo, manco i vien,
Me taco a pianzer come un desperà,
20E spaco la chitara dal velen,
E a segno dalla rabia son orbà,
Chè li mando de cuor a far del ben
E ghe ne digo tante a tuti do,
Chè no le tirerave un pèr de bo!
     25Co ghe n'ò dito proprio a più no posso,
Me buto sul mio leto a traverson,
S'un leto, che xe duro quanto un osso;
Ma che, segondo mi, no ghè el più bon:
Apena colegà trovo reposso,
30E me taco a dormir come un poltron,
E fazzo un insonieto cussì belo,
Chè al mondo no go fato so fradelo.
     Me trovo, che beveva a una fontana
Che da un bel monte scaturiva fora,
35Un'acqua d'un tal gusto, e tanto sana
Chè saria là che beverave ancora;
Ma la mia sorte perfida tirana,
Che no vol, che respira una mezz'ora,

[p. 90 modifica]

Fa, che senta là intorno un gran sussuro,
40E drio d'un lavraner cora al seguro.
     Me muchio donca là come un sorzeto,
Che sente el gato, che lo vol cucar.
E come un fantolin fazzo baeto,
Per no esser visto, e per poder vardar;
45Ma in quelo salta fora da un boscheto
Una Signora in ato de criar,
E in seguito diverse so compagne,
Che urlava tute quanto come cagne.
     Oh bela! digo alora fra mi stesso,
50Che razza de creature indiavolae!
Ma intanto le me vien tute da presso,
E le par proprio tute ispiritae!
Digo la verità, mi dal bel sesso
No ò mai più sentio a dir le baronae,
55Che diseva ste Siore; e che cospeti!
Altro che i barcarioi dei tragheti!
     Chi mai che sia ste done? vel dirò,
Abiè pazienza un poco; saù perchè?
Perchè in adesso gnanca mi nol so!
60Ma spero, che a momenti el savarè,
Le rechie, e i ochi tanto tirerò,
Fina che capirò chi mai le xe...
Ma ziti... pofarbaco, che bel caso!
Le xe le Muse, e mi son in Parnaso.
     65Le xe le Muse, e mi go tanta fufa,
Che no ò bu la compagna in vita mia:
Le Siore Muse adesso se petufa,

[p. 91 modifica]

Nè mi da dove son posso andar via;
Vicin a mi se incalza la barufa,
70E guai! se le se acorze che ghe sia...
Oh, povereto mi! mo perchè mai
Sto bel logo xè pien de tanti guai?...
     Eviva, ò capio tuto, el Sior Tonin
Xe lu el motivo de sto gran rumor.
75El so talento raro, e soprafin
Unito a un tal saver, che fa stupor,
Fa che le Muse, ma col pofardin,
Contrasta fra de lore el bel onor
De cantar le so glorie in sto bel dì,
80E tute va zigando: toca a mi.
     E, co sto toca a mi, le se bastona,
E ghe toca el so giusto a tutte quante:
Chi no à visto la rabia dela dona,
No à visto un orso in furia, un elefante:
85Le giera drio a coparse: massabona,
Che ariva el Sior Apolo in quel istante,
Che ghe dise: fenila là, petegole!
Se no ve fazzo el cesto in mile fregole,
     Da quando in qua s'à visto sto bordelo
90In sto nostro retiro sacrosanto?
Seu deventae donate de campielo?
Ma quele no xe bone de far tanto...
Me vien vergogna d'esserve fradello...
L'àveu imparà da niovo sto bel canto?
95Ma le Muse se buta in zenochion,
Pregandolo ascoltar le so rason.

[p. 92 modifica]

     Zito là, temerarie! so anca mi,
Responde Apolo tuto rebufà,
Perchè rason ve maltratè cussì;
100Ma sta rason più ree tute ve fa.
Coss'è sto toca a mi? no toca a tì?
Ne toca a tuti quanti, chi nol sà?
La fama d'un Dotor cussì valente
Vol, che tuti cantemo unitamente
     105Senza più intardigar tuti s'acorda,
E i canta, e i sona come desperai
Tanti istrumenti e da fià, e da corda
Che vel dirave, ma no i ò contai;
So ben, che go una rechia ancora sorda,
110E che quel canto no feniva mai;
Ma l'ò fenia ben mi, chè m'ò cavà;
E apena voltà via me son svegià.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_bordelo_del_parnaso&oldid=52072"