Pagina:Poesie edite ed inedite de Lodovico Pastò venezian.djvu/90

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Fa, che senta là intorno un gran sussuro,
40E drio d'un lavraner cora al seguro.
     Me muchio donca là come un sorzeto,
Che sente el gato, che lo vol cucar.
E come un fantolin fazzo baeto,
Per no esser visto, e per poder vardar;
45Ma in quelo salta fora da un boscheto
Una Signora in ato de criar,
E in seguito diverse so compagne,
Che urlava tute quanto come cagne.
     Oh bela! digo alora fra mi stesso,
50Che razza de creature indiavolae!
Ma intanto le me vien tute da presso,
E le par proprio tute ispiritae!
Digo la verità, mi dal bel sesso
No ò mai più sentio a dir le baronae,
55Che diseva ste Siore; e che cospeti!
Altro che i barcarioi dei tragheti!
     Chi mai che sia ste done? vel dirò,
Abiè pazienza un poco; saù perchè?
Perchè in adesso gnanca mi nol so!
60Ma spero, che a momenti el savarè,
Le rechie, e i ochi tanto tirerò,
Fina che capirò chi mai le xe...
Ma ziti... pofarbaco, che bel caso!
Le xe le Muse, e mi son in Parnaso.
     65Le xe le Muse, e mi go tanta fufa,
Che no ò bu la compagna in vita mia:
Le Siore Muse adesso se petufa,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_edite_ed_inedite_de_Lodovico_Pastò_venezian.djvu/90&oldid=63870"