Pagina:Poesie edite ed inedite de Lodovico Pastò venezian.djvu/89

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


10E come che de far son consueto,
Quando voi butar zoso a rompicolo
Versi più petitosi del sguazzeto,
Invoco la mia Musa, e 'l Sior Apolo,
Perchè i me daga un'estro benedeto;
15Ma posso ben chiamarli, chè sta volta
Sti cani senza pelo no i m'ascolta.
     Co me vedo in sto modo abandonà,
E, che più che li chiamo, manco i vien,
Me taco a pianzer come un desperà,
20E spaco la chitara dal velen,
E a segno dalla rabia son orbà,
Chè li mando de cuor a far del ben
E ghe ne digo tante a tuti do,
Chè no le tirerave un pèr de bo!
     25Co ghe n'ò dito proprio a più no posso,
Me buto sul mio leto a traverson,
S'un leto, che xe duro quanto un osso;
Ma che, segondo mi, no ghè el più bon:
Apena colegà trovo reposso,
30E me taco a dormir come un poltron,
E fazzo un insonieto cussì belo,
Chè al mondo no go fato so fradelo.
     Me trovo, che beveva a una fontana
Che da un bel monte scaturiva fora,
35Un'acqua d'un tal gusto, e tanto sana
Chè saria là che beverave ancora;
Ma la mia sorte perfida tirana,
Che no vol, che respira una mezz'ora,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_edite_ed_inedite_de_Lodovico_Pastò_venezian.djvu/89&oldid=63869"