Dalla pi bella man, dal pi bel viso

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Dalla pi bella man, dal pi bel viso (Venieresca XVI)
XVI secolo
←  Venieresca XV. Posso ben dir, co' za disse culù Edission e fonte ▼ Venieresca XVII. Qual fiera stella, o qual empio destin  →

Dalla pi bella man, dal pi bel viso,
Che mai formasse Giove e la natura.
E dalla pi proportionà figura
Che sia stà daspuò d'Elena e Narciso,

Cuor mio, te xe stà dà quel largo sfriso,
Che se a buttar pi sangue in pianto dura,
I preti puol avrir la sepoltura
Per consegnarme al Re del paradiso.

Da una banda te metto quel auttor
Che vuol che no se diebba desperar
Quel che altamente ha collocà el so cuor.

E dall'altra el mio mal, che no ha par,
Che è l'incendio crudel del so calor.
Varda mo ti quel che dovemo far.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Dalla_pi_bella_man,_dal_pi_bel_viso&oldid=41550"