Posso ben dir, co' za disse culù

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Posso ben dir, co' za disse culù (Venieresca XV)
XVI secolo
←  Venieresca XIV. Donna, piena de sdegno e de impietà Edission e fonte ▼ Venieresca XVI. Dalla pi bella man, dal pi bel viso  →

Posso ben dir, co' za disse culù
Solo e pensoso e quel che ghe va drio,
Daspuò che son redutto a sto partìo,
Senza retratto, né vista de vu.

Signora, in conclusion, no posso più
Ch'el recordarme dei spassi da Lio,
E 'l barchizar al fresco per quel rio
Me fa vegnir tutti i spiriti sù.

Infatti, no ghe xe mazor deletto,
Piaser pi dolce, o el pi caro solazzo,
Del vardar, del servir solo e secreto.

Perda el motto sti dei, sta man, sto brazzo,
Si parto più, se no son pi che astretto,
E l'instrumento sia la forca e 'l lazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Posso_ben_dir,_co%27_za_disse_culù&oldid=42670"