Dal nascer tutti ha el cancaro che i magna

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Dal nascer tutti ha el cancaro che i magna (Sonetto XV)
XVI secolo
←  Sonetto XIV. Fa el pezzo che ti sa per mio despetto Edission e fonte ▼ Sonetto XVI. Anzoletta del ciel, senza peccà  →
Altra edizion: La Felicità (1817)

Dal nascer tutti ha el cancaro che i magna,
Tutti ha el so proprio humor della so sorte,
Chi teme e chi desidera la morte,
Chi ride del continuo e chi se lagna.

Chi brama dominar monti e campagna,
Chi seguita, chi fuze honori e Corte,
Chi cerca per vie drete e per vie storte
Ch'el so nome drio lu vivo romagna.

E fin che un no se cava un appetito,
No l'ha mai ben, e se 'l se cava po,
El va co 'l desiderio in infinito.

Gramo colù, s'el mondo fosse so',
S'el sarà in l'ozio e in l'ingordisia fito.
Beati quei che un àgio ghe fa pro'!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Dal_nascer_tutti_ha_el_cancaro_che_i_magna&oldid=67805"