Anzoletta del ciel, senza peccà

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Anzoletta del ciel, senza peccà (Sonetto XVI)
XVI secolo
←  Sonetto XV. Dal nascer tutti ha el cancaro che i magna Edission e fonte ▼ Sonetto XVII. Oh, quante volte al dì son un lion!  →
Altra edizion: Per una Fanciullina (1993)

Anzoletta del ciel, senza peccà,
Sorellina d'amor mia picchenina,
Che cusì puramente fantolina
Ti ha el ciel dei to ziogheti innamorà,

Sia benedetto chi te ha costumà,
Pura colomba della casa orsina,
Sia benedetta quella gratijna,
E quel caro visetto inzucherà.

Benedetti i sestini e le zanzette,
Che a chi le sente le ghe cava el cuor,
O co se fa a un melon, le el sparte in fette.

O pare, o mare, o nena, o dio d'amor,
O stelle siéu per sempre benedette,
Che no ghe havé mancà d'ogni favor.