Fa el pezzo che ti sa per mio despetto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Fa el pezzo che ti sa per mio despetto (Sonetto XIV)
XVI secolo
←  Sonetto XIII. Co ti fa profession de no voler Edission e fonte ▼ Sonetto XV. Dal nascer tutti ha el cancaro che i magna  →

Fa el pezzo che ti sa per mio despetto
Che te ne incago, Amor, s'ti nol vuol far,
Che son mo tanto uso a sopportar
Che no ho resto de honor per un marchetto.

Che pezzo posso io haver, che veder schietto
Che custìa no dà fede al mio stentar,
Con tutto che se nome el lagremar
Fa parer che la notte pisa in letto?

E se spesso me mostro de altro humor,
Doverìa ben saver ch'e' me dà morte,
Che rido in vista e lagremo co 'l cuor.

Ma ella, che è in sto humor tenace e forte,
Crede amazzarme, e no me dà dolor.
Che vegna la giandusa alla mia sorte!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Fa_el_pezzo_che_ti_sa_per_mio_despetto&oldid=41703"