Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/250

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che bisognava alfin oltre i estrati,
    Che i se fasse tagiar, come bisati;
                    93Ve prego Dei Penati

Andè tutti in tel verde a sro decreto,
    Se nò i me Cazzi và tutti in brueto,
                    96Perchè, mi ve prometo,

Posso ben dal Priapismo liberarli,
    Ma dal morbo, che rode, come i tarli,
                    99No posso esenti farli.

Le dispute in sto modo hà terminà,
    E da Giove una parte è stà mandà,
                    102Utrum se in libertà

L'Onor s'abbia da metter, nec nè,
    E fu preso, che 'l staga, dove el xè.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/250&oldid=64449"