Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/248

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che'l crederìa per questo assae ben fato
    Repristinar l'Onor in tel so stato
                    63Che lù pò xe desfato,

Che lù più no colpisce coi so strali,
    E che 'l xe un Rè, che tutti i so vassali
                    66Xe tre, o quattro coccali,

Che, come no ghè più le zelosìe,
    La so cancellarìa fà le scarpìe;
                    69Che senza far pazzìe

In quiete tutti gà boni bocconi,
    E che lù stà grattandose i cogioni,
                    72Come, che fà i baroni,

Xe saltà sù el Dio Priapo in fretta,
    E l'hà messo anca lù la so pezzetta,
                    75Alla bona, alla schietta,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/248&oldid=64447"