Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/27

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    30Stà menandose la Mona,
    Chi sbassada un pochettin
    La lo tiol drento a passin,
    Chi con belle parolette
    Ghe lo mena frà le Tette,
    35Chi se mette un deo nel vaso,
    E ghe 'l da pò sotto el naso,
    Chi per darghe più trastulo
    Dalla Mona casca in Culo,
    Chi per darghe più diletto
    40Tiol in bocca l'Oselletto.
    Là ghe giera sin de quelli,
    Che sborava in te i cavelli.

A pensarghe seriamente
    In veder tutta sta zente

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/27&oldid=64458"