Che mi habbia da morir senza haver visto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Che mi habbia da morir senza haver visto (Sonetto LXXV)
XVI secolo
←  Sonetto LXXIV. Culù che per servir crede a custìa Edission e fonte ▼ Sonetto LXXVI. Son come xe talun ch'è roto in mar  →
Altra edizion: La prova d'Amore (1817)

Che mi habbia da morir senza haver visto
La causa per la qual son condanà,
Che habbia da esser ogni dì mostrà
A deo per un gaioffo e per un tristo,

E che senza poder mai far acquisto
Sora de vu de un deo d'autorità,
Dal fachin, dal vilan, sia strapazzà,
E che no g'habbia mai d'esser provisto,

Fia, le xe cosse da no star al segno,
E mi indesprego a Amor in te 'l mustazzo
Se queste xe le leze del so regno.

Me voléu ben? Vegnime un puoco in brazzo,
Che mi no credo pì, se no col pegno,
E bestie è quei che stenta per solazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Che_mi_habbia_da_morir_senza_haver_visto&oldid=67821"