Culù che per servir crede a custìa

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Culù che per servir crede a custìa (Sonetto LXXIV)
XVI secolo
←  Sonetto LXXIII. Signora mia, vu manizé per tuto Edission e fonte ▼ Sonetto LXXV. Che mi habbia da morir senza haver visto  →

Culù che per servir crede a custìa
Cavarghe da le man qualche favor,
El no sa se 'l canal habia saor,
Se la Luna sta ferma o 'l Sol va via.

Questa, che propria xe la bizaria,
La minera dei sesti e de l'humor,
Darà per servitù, per versi, Amor?
La ghe darà 'l malan che Dio ghe dia.

E mi son sì balordo, e sì buffon,
Che al despetto d'ogn'un vago corrando
Dove sta la desgratia in zenocchion.

E no me accorzo che, viver amando
Sta donna, si xe giusto a condition
Di chi per arricchir vive stentando.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Culù_che_per_servir_crede_a_custìa&oldid=41532"