Certi cavei rizzoti inanelai

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Certi cavei rizzoti inanelai (Sonetto LXIII)
XVI secolo
←  Sonetto LXII. Quel che par senza cassa un orinal Edission e fonte ▼ Sonetto LXIV. Co un ha gratia e che 'l veste pulìo  →
Altra edizion: Le Bellezze di Madonna (1817)

Certi cavei rizzoti inanelai,
Negri come un velùo negro de pelo,
Ornamento d'un viso cussì bello,
Co se possa a sto mondo veder mai;

Un pèr d'occhi assassini, che fa assai
Chi scampa via senza lassar del pelo,
Denti pò, lavri, e bocca, e tutto quelo
Che puol far desmissiar indromenzai.

Ma quel che avanza el resto è certa gola
Che, su la fede mia, de quel che son,
La val un pozzo d'oro quela sola.

E vita, e drappi, e disposition,
E gratia in ogni gesto, ogni parola,
Che fa stimar un savio Salamon.

No m'habiè per minchion,
Che voi pì presto un sguardo de custìa
Che 'l gran tresoro de la Signoria.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Certi_cavei_rizzoti_inanelai&oldid=67884"