Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 1.djvu/102

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Quatro ti me n'à fato; orsù a la quinta;
     Che te despogio a mo' un san Zuan de Zugno;
     48Co' à fato Zan Fracao un dì a la Tinta.
Vardate co' ti vedi che m'ingrugno,
     E tiente ben a l'erta; che co' taso
     51La vol bogier, e presto scampa un pugno;
E po' mi finzerò de darte un baso,
     E cussì pien de grinta, a dreto, a storto;
     54Te portarò coi denti via el naso,
E co la prima Nave ch'è sul Porto
     Farò po' vela, e trucherò in Levante;
     57E questo è 'l mio pensier, el mio conforto;
Che ti ti perderà el naso e l'amante.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_1.djvu/102&oldid=64030"