Aurisbe Tarsense a Polisseno Fegejo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 79 modifica]
CANZONE

DI

CORNELIA BARBARO GRITTI

E

RISPOSTA

DI

CARLO GOLDONI

PER LA VESTIZIONE

DI SUOR ANGELA MARIA RENIER
[p. 80 modifica] [p. 81 modifica]



Sta volta ve go in trapola,
     De qua no me scampè;
     Fora le vostre chiacole,
     4Fe presto e respondè.

[p. 82 modifica]

A Parma no se' in Opera;
     Se' qua, se' fresco e san;
     Se ve trovasse in degole
     8Ve manderìa lontan;
El tema xe novissimo,
     So ch'el ve piaserà:
     Per una che va Munega
     12Aveu mai più cantà?
M'aspeto che responderme
     Vogiè strenzendo i denti:
     Semo a le cosse solite,
     16Coi soliti argomenti;
Sempre ghe vol sta sonica?
     Sempre s'à da cantar?
     Per Sposalizj e Muneghe
     20M'òi da decervelar?
Sior sì, bisogna subito
     Tior la chitara in man,
     Sonarghela e cantarghela
     24Almanco in Venezian.
Sta volta, torno a dirvelo,
     El caso è diferente,
     Sta Puta che me stimola
     28La xe una mia parente.
Questo xe 'l primo debito;
     Ma a dirla tra de nu,
     Me stimola e me obliga
     32Qualche rason de più.

[p. 83 modifica]

La xe sta santa zovene
     Fia de Daniel Renier:
     Oh doveressi intenderme,
     36Se' omo del mistier;
Save chi 'l xe in Republica,
     Savè quel che l'à fato.
     Se no l'avessi in pratica,
     40Ve fazzo el so ritrato:
El ga una mente lucida,
     Un inteleto pronto,
     Che tuto rende facile,
     44Che presto ariva al ponto;
El sa le cosse serie
     Tratar con precision,
     E po grazioso e lepido
     48El xe in conversazion;
Amigo sincerissimo,
     De cuor e de bon fondo,
     Che cerca, che desidera
     52Far ben a tuto 'l mondo;
Temperamento fervido
     Che parla e che par bon,
     Che va talvolta in colera,
     56Ma mai senza rason;
L'à scomenzà da zovene
     A vederghe pocheto,
     Ma a i ochi, che xe deboli,
     60Suplisse l'inteleto.

[p. 84 modifica]

A comandar giustissimo,
     Prontissimo al dover,
     In casa soa filosofo,
     64E sempre cavalier.
Fato el ritrato in picolo,
     Più a sguazzo che a pastela,
     A vu ve lasso el merito
     68De insoazar la tela.
Del Padre co l'imagine
     Piena de fantasia
     Se me presenta al spirito
     72Le lode de la Fia.
So che la xe assae zovene,
     So che la xe assae bela,
     So che la ga del merito,
     76Ma la lo sconde in Cela;
Le zogie, i merli, i abiti
     Richi no la i vol più,
     La li à portai pochissimo,
     80La ne li lassa a nu;
A nu, povere femene,
     Che al mondo andemo drio
     Co la caena indomita
     84Dei fioli e del mario!
Semo servìe da i omeni
     Un poco in zoventù,
     Co passa l'età zovene
     88Nissun ne varda più!

[p. 85 modifica]

Quanto xe megio el bavaro
     In vece del topè!
     Quanto val più la tonega
     92Dei cerchi e l'andriè!
Studiemo a farse un abito
     Rosso, celeste o bianco;
     Per el vestir le Muneghe
     96Le ga un pensier de manco.
Ma basta. A vu sior Arcade,
     Lodè sta mia zermana,
     Che vol le carne tenere
     100Coverzerse de lana;
Ma no fe miga el comico,
     Come che solè far,
     No vegnì via con critiche
     104Che no le ga da intrar;
No stessi a dir che un spirito
     Ghe xe che va per tuto,
     Ch'anca in tel pano ruvido
     108Se vede el belo e 'l bruto;
Perchè tra quele Vergini,
     Vestìe de penitenza;
     El megio no xe l'abito,
     112Ma 'l cuor che ga prudenza.
Lassèmo star ste frotole,
     Salvèle per la scena,
     No manca sul proposito
     116Materia per la vena.

[p. 86 modifica]

Saltè fora con spirito,
     Vòi adesso che cantemo;
     No me cantè spropositi,
     120Savè dove che semo....
Sì ben..... son contentissima,
     La novità xe bela....
     La xe una cossa insolita....
     124Dirò un'Indovinela.
Mi so che ghe xe un albero
     Piantà in t'un bel zardin,
     Che sul ramo medesimo
     128Ga un pomo e un limoncin.
L'aveu sentìa? spieghemela.
     L'albero è cognossù
     I spiriti a capitolo;
     132Sior Polisseno, a vu.



Note a cura de Bartolommeo Gamba (1817)
  1. Questa Dama di non ordinarj talenti solea essere in Venezia dai Forestieri più segnalati visitata e riverita. Fu dal celebre Frugoni idoleggiata in molti suoi componimenti. Diede la vita a Francesco Gritti, del cui valore singolare nella poesìa vernacola si sono veduti i saggi nei Vol. VI e VII di questa Raccolta. Scrisse Sonetti e Canzoni anche nella toscana favella, e piaceci di riportare a questo luogo un suo Sonetto il cui argomento è l'esame di se medesima allo specchio.


         Non mente no il cristal. Mi albeggia il crine;
              E le guance di rose, e il palpitante
              Niveo ricolmo sen, le coralline
              Labbra vermiglie or non mi porge inante.
         Non mente no il cristal. Rapido alfine
              L'undecimo varch'io lustro pesante;
              E le robuste membra al suolo or chine
              Mi rammentan la tomba, e non l'amante!
         Alte destai vivide fiamme in petto;
              Che il cieco arcier dalle fallaci scorte
              Giammai mi offerse un moribondo affetto!
         Ah passano nell'oblio per sempre assorte
              Fole di gioventude! al grande oggetto
              Solo or si pensi; e qual sarà? la Morte.