Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/86

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Saltè fora con spirito,
     Vòi adesso che cantemo;
     No me cantè spropositi,
     120Savè dove che semo....
Sì ben..... son contentissima,
     La novità xe bela....
     La xe una cossa insolita....
     124Dirò un'Indovinela.
Mi so che ghe xe un albero
     Piantà in t'un bel zardin,
     Che sul ramo medesimo
     128Ga un pomo e un limoncin.
L'aveu sentìa? spieghemela.
     L'albero è cognossù
     I spiriti a capitolo;
     132Sior Polisseno, a vu.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/86&oldid=66845"